Avere un pavimento perfettamente pulito richiede un bel po’ di manutenzione, soprattutto quando è a piastrelle, visto che le fughe, ovvero gli spazi tra una mattonella e l'altra, tendono ad annerirsi e a sporcarsi con una certa facilità. È necessario, dunque, pulirle con regolarità per evitare di favorire lo sviluppo di germi, muffa e batteri. Il Coronavirus sarebbe capace di resistere fino a 3 giorni sulle superfici ed è per questo che disinfettare casa a fondo è fondamentale se si vuole preservare la propria salute. Esistono diversi metodi per sbiancare, lavare e igienizzare le fughe, dai rimedi naturali ai detergenti specifici a base di candeggina: ecco come fare per vantare un pavimento pulitissimo in poche mosse.

Pulire le fughe delle piastrelle con la candeggina

Quando le fughe del pavimento non si puliscono da un bel po' e sono molto annerite, sarebbe bene puntare su qualcosa di molto aggressivo, così da eliminare batteri e muffa in modo profondo. In casi come questi, è innanzitutto necessario pulire le piastrelle con aspirapolvere e straccio bagnato, passando poi a una soluzione a base di acqua e candeggina. Questa deve essere spruzzata sulle zone sporche, che vanno strofinate con una apposita spazzola a setole dure, e lasciata ad agire per una 15ina di minuti. A questo punto si può passare un panno inumidito con dell'acqua per rimuovere sia il prodotto che i residui di polvere e muffa.

I rimedi naturali per pulire le fughe dei pavimenti

Per sbiancare e igienizzare gli spazi tra le mattonelle non servono per forza detergenti e prodotti chimici a base di candeggina, si può provare anche con dei rimedi naturali che si riveleranno ugualmente efficaci.

Bicarbonato

Il bicarbonato è un prodotto perfetto per disinfettare la maggior parte delle superfici domestiche, anche le fughe delle piastrelle. Per farlo è necessario mischiarlo con dell'acqua calda fino a ottenere una miscela densa e schiumosa. A questo punto, con l'ausilio di un vecchio spazzolino da denti, bisogna cominciare a strofinare sulle zone sporche, lasciando ad agire il composto per una mezz'ora. Una volta passato questo lasso di tempo, si possono rimuovere i residui con un panno asciutto: il risultato è decisamente impeccabile.

Aceto bianco

L'aceto bianco è un'ottima alternativa al bicarbonato poiché è uno sbiancante naturale. Per pulire le fughe dei pavimenti è necessario diluirlo in acqua tiepida e versare il mix in uno spruzzino. Basa metterlo sullo sporco e lasciarlo ad agire per 10 minuti per ritrovarsi con delle piastrelle pulitissime e igienizzate.

Acqua ossigenata

L'acqua ossigenata è un altro prodotto perfetto per eliminare muffa e sporcizia dallo spazio tra le mattonelle. Come fare per ritrovarsi con un pavimento perfetto? È necessario spruzzare tutto sulle zone più incrostate, lasciando in posa per una ventina di minuti  prima di procedere con risciacquo e asciugatura.

Vapore

Se si ha un vaporetto, lo si può utilizzare tranquillamente sulle fughe delle piastrelle incrostate. Perché risulta essere uno dei rimedi più efficaci contro lo sporco? Il vapore acqueo è in grado di sciogliere i residui di polvere, muffa e umidità grazie all'azione del calore, senza dunque servirsi di alcun tipo di agenti chimici.