Pulire e disinfettare il pavimento di casa è fondamentale per non mettere a rischio la propria salute quotidianamente, soprattutto quando si vive con dei bambini piccoli, che spesso giocano e gattonano sul parquet e sul marmo. Per farlo nel modo giusto è necessario innanzitutto spolverare e togliere residui di sporco e polvere con una scopa, solo dopo ci si potrà dare al lavaggio vero e proprio. Questa semplice operazioni potrebbe rivelarsi essenziale per combattere infezioni, allergie e ogni tipo di problema di salute, soprattutto in tempi di Coronavirus, visto che è stato scoperto che quest'ultimo riuscirebbe a sopravvivere sulle superfici fino a tre giorni. A seconda della tipologia di pavimento, si dovrà puntare su procedimenti e prodotti differenti, così da avere la certezza di tenere la casa pulita senza però rovinare la superficie. Ecco tutti i consigli da seguire per disinfettare il pavimento, mantenendo la sua originaria lucentezza.

Come pulire i pavimenti

Una volta eliminate briciole, polvere e residui, facendo attenzione soprattutto ad angoli e fessure dei battiscopa, si può passare alla pulizia vera e propria, imbevendo lo straccio con acqua, detergente e disinfettante. Per avere un risultato ottimale, sarebbe bene passarlo per due volte. Dopo aver sciacquato il panno solo con acqua, lo si può passare ancora una volta ben strizzato. Chi non vuole usare i detersivi comunemente in commercio può realizzarne una variante naturale con aceto, bicarbonato, alcol, sapone di Marsiglia, magari aggiungendo anche qualche goccia di candeggina o alcol, a patto che la superficie che si vada a pulire non sia marmo o parquet. Cosa fare contro le macchie più ostinate? Bisogna strofinare con una spazzola con setole in gomma fino a quando non scompaiono.

Come pulire il parquet

Il parquet in legno è particolarmente delicato e deve essere trattato in maniera accurata per evitare che perda il suo colore naturale. Per lavarlo è necessario evitare i liquidi, i prodotti aggressivi come alcol e candeggina ma anche residui di sostanze utilizzate comunemente in cucina come olio, latte e viso. Anche l'utilizzo eccessivo di acqua potrebbe rivelarsi controproducente perché, insinuandosi tra una tavoletta e l'altra, favorisce l'insorgere di umidità e di rigonfiamenti nel legno. L'ideale, dunque, è servirsi di aspirapolvere con spazzole per parquet o, in alternativa, delle salviette elettrostatiche, mentre per disinfettarlo sarebbe bene usare detergenti ed emulsioni protettive per il legno.

Come pulire il pavimento di marmo

Anche il marmo è una roccia che va pulita con cura se si vuole evitare di danneggiarla. Per farlo è necessario servirsi di acqua calda, utile a eliminare lo sporco più superficiale, alla quale si può aggiungere del detergente per pavimenti con pH neutro, ovvero privo di sostanze aggressive come candeggina, ammoniaca, perossido di idrogeno e aceto. In alternativa si può utilizzare dell'acqua distillata oppure un prodotto apposito per il marmo. Piuttosto che un comune straccio, sarebbe meglio servirsi di un mocio in microfibra o comunque in tessuto morbido, sciacquandolo con acqua pulita ogni volta che si passa. Per evitare di rovinare il marmo, è fondamentale rimuovere tutta la schiuma e non lasciare che si asciughi all'aria, l'acqua, infatti, potrebbe penetrare nel pavimento, macchiandolo e sbiadendolo.

Come pulire il grès

Il pavimento in grès porcellanato sembra essere di facile manutenzione ma in verità è molto difficile eliminare le macchie e gli aloni, soprattutto quando si guarda in controluce. Il lavaggio solo con acqua è assolutamente sconsigliato, meglio mischiarla con un detergente per pavimenti in ceramica, facendo bene attenzione a risciacquare solo con acqua per eliminare i residui di sporco e di sapone. Il detersivo scelto non deve contenere profumi, cere o tensioattivi poiché creano delle patine, formando degli aloni con estrema facilità. In caso di macchie ostinate di inchiostro, vino, ruggine, vernice o calcare, sarebbe bene non puntare sul "fai da te" e preferire un prodotto smacchiante.