Solo l'idea di lavare i vostri capi in cashmere vi fa venire i brividi? Niente paura, seguendo dei semplici accorgimenti è possibile lavare e conservare al meglio maglioni, sciarpe e tutti gli altri capi realizzati con questo tessuto caldo e pregiato. Il cashmere è infatti una lana con una fibra delicata e preziosa, ottenuta dalle capre allevate nelle zone del Tibet, ma anche in Cina e Iran, un tessuto delicatissimo che può rovinarsi facilmente. Ecco allora come lavare il cashmere a casa in poche e semplici mosse, sia a mano che in lavatrice.

Lavaggio a mano: con detergente delicato e senza strizzare

Per lavare il vostro capo in cashmere a mano, sciogliete in una bacinella di acqua tiepida del detersivo per lana, del detergente neutro oppure uno shampoo delicato. Immergetelo alla rovescia e fate assorbire tutta l'acqua, che ravviverà il tessuto, lasciandolo in ammollo per non più di 5 minuti: la permanenza eccessiva in acqua potrebbe rovinarlo. Poi massaggiatelo premendo delicatamente, ma senza torcere o strofinare, per non far infeltrire il capo. Risciacquate con acqua corrente tiepida e infine avvolgete il maglione, o comunque il vostro capo in cashmere, in un asciugamano: arrotolatelo con delicatezza, lasciandolo avvolto fino a quando non avrà perso la maggior parte dell'acqua.

Lavaggio in lavatrice: sì, ma con alcune precauzioni

Il cashmere può essere lavato anche in lavatrice, ma con le dovute precauzioni e utilizzando degli specifici accorgimenti. Inserite l'indumento in lavatrice alla rovescia, possibilmente all'interno di una retina salvabucato per il lavaggio dell'intimo. Aggiungete al cestello una piccola quantità di detersivo delicato, specifico per la lana, selezionate un programma breve per capi delicati con una temperatura che non superi i 30°C. Escludete la centrifuga oppure sceglietela ad una velocità media, non più di 400 giri, così eliminerete buona parte dell'acqua in eccesso nel capo, senza rovinarlo.

Come stendere e asciugare i capi in cachemire

Una volta lavati stendete i vostri maglioni di cashmere su uno stendibiancheria in orizzontale: poggiatelo su un asciugamano asciutto per evitare che, una volta asciugato abbia delle pieghe. Tenete il capo lontano da fonti di calore, come i caloriferi, e non fatelo asciugare alla luce diretta del sole: meglio stenderlo a mezz'ombra così da non rischiare di infeltrirlo. Inoltre evitate di asciugare i capi in cashmere in asciugatrice.

Quando e come stirare il cashmere

Se avete steso bene il vostro capo in cashmere non ci sarà bisogno di stirarlo ma, se ha fatto qualche piega durante l'asciugatura, mettetelo alla rovescia e stiratelo con un panno di cotone sopra, utilizzando temperature molto basse, meglio se senza vapore e con l'apposito programma per la lana: se proprio volete utilizzare il vapore, tenete il ferro almeno a 5 centimetri di distanza dal capo. Una volta stirato, lasciatelo raffreddare prima di piegarlo.

Come mantenere al meglio un maglione di cashmere e come eliminare i pallini

Come abbiamo visto, il cashmere è un tessuto pregiato e, affinchè le sue caratteristiche restino inalterate, oltre a lavarlo nel modo giusto è importante anche non stressarne troppo le fibre. Nel caso del maglione, non indossatelo per più giorni consecutivi, o comunque, devono passare almeno 24 ore fra un indosso e l'altro: in questo modo rallenterete anche la comparsa del pilling, cioè la formazione di piccoli pallini di fibre che si formano a causa dello sfregamento. Nel caso dovessero formarsi questi antiestetici pallini, potete eliminarli utilizzando un apposito pettinino per il cachemire. Una volta lavati poi, maglioni e sciarpe di cashmere devono essere riposti ben asciutti all'interno di un sacco custodia e conservati in un posto fresco e asciutto e con adeguata protezione antitarme.