Fare giardinaggio è un modo per rendersi utili divertendosi. Il giardinaggio è infatti un hobby rilassante che ci permette di passare del tempo all’aria aperta e a contatto con la natura. Questa passione può essere condivisa con i bambini per insegnare loro non solo come fare giardinaggio ma soprattutto per far conoscere e rispettare loro la natura. Fare giardinaggio con i bambini può essere quindi un’attività utile, costruttiva e divertente con la quale impareranno come il lavoro, l’impegno e la cura costante possano regalare sorprese, grandi soddisfazioni e gratificazione.

Giardinaggio con i bambini: prima di iniziare

Prima di iniziare con il giardinaggio per bambini vero e proprio, prima quindi di cominciare a giocare con la terra, è importante dotare il nostro piccolo giardiniere di tutti gli attrezzi del mestiere. A tal proposito in commercio esistono dei kit da giardinaggio pensati proprio per i bambini con tutto il necessario per iniziare a coltivare insieme. In questi kit da giardinaggio per bambini ci sarà tutto quello che servirà per realizzare e coltivare insieme a loro il vostro orto e curare il vostro giardino. Nel dettaglio troverete palette di varie dimensioni, una piccola zappa, un paio di secchielli, stecchini e cartellini per mettere il nome delle piantine, un innaffiatoio a spruzzo, e altro ancora. È importante inoltre dotare i bambini anche di guanti da giardinaggio e di un grembiule colorato che arrivi sotto le ginocchia adatti al lavoro, nonché spiegare loro come si chiamano, come si usano e dove inserire gli attrezzi del mestiere nel modo corretto.

Inizia dalla semina

Fatto ciò è molto importante spiegare ai bambini come avviene un ciclo naturale e da dove nascono fiori e piante. Per fare ciò si consiglia di portarli in mezzo alla natura, in un bosco, in un parco o in giardino botanico per far capire loro il funzionamento degli elementi naturali e quello che andrete poi a replicare nel vostro giardino o nel vostro orto fatto in casa. È bene che abbiano un primo approccio con l’erba, con le diverse forme delle foglie, con la corteccia degli alberi e in generale con la natura. Fatto ciò potrete recarvi insieme a loro in un vivaio per scegliere le piantine che vogliamo far crescere nel nostro giardino e cominciare a spiegare loro come avviene e cos’è la semina. L’operazione più semplice per fare questo è creare un semenzaio per il quale potremo utilizzare anche oggetti di riciclo che possediamo già in casa.

Se non sai come si crea un semenzaio, nessun problema, di seguito ti daremo tutte le indicazioni necessarie. Innanzitutto va detto che i semi più indicati per quest’attività sono quelli che non hanno tempi di germogliazione eccessivamente lunghi, perché una lunga attesa potrebbe far annoiare i bambini che invece sono maggiormente stimolati se vedono crescere in pochi giorni la loro piantina. Dunque all’inizio si consiglia di scegliere semi di fagiolo, di nasturzo o di portulaca. Passando alla fase pratica non bisogna fare altro che procurarsi una scatola vuota in legno o in plastica anche di riuso (la vaschetta del gelato per esempio, ma anche un bicchiere di plastica può andare bene), della ghiaia, della sabbia, del terriccio e un pizzico di concime naturale. Dopo aver trovato tutto l’occorrente fai due fori sul fondo della scatola, inserisci tutti gli ingredienti dentro, fai indossare grembiulino e guanti da lavoro ai bimbi e lascia che si divertano mescolando insieme il tutto. Dopo aver mischiato bene, appiattisci con le mani la superficie, prendi i semini e piantateli ad una profondità corrispondente al doppio dello spessore del seme in questione. A questo punto dai ai tuoi bimbi uno spruzzino pieno d’acqua e falli annaffiare (senza esagerare) puntualizzando loro che da adesso dovranno essere loro a ricordarsi ogni giorno di annaffiare le piantine.

Per rendere ancora più divertente questo momento, inoltre, si può ricorrere a dei giochi educativi come “Il mio primo orto botanico” di Lisciani Giochi o “La mia prima serra” di Clementoni facilmente reperibili anche negli store online come Amazon e altri portali di e-commerce. Per quanto riguarda invece lo spazio utile per svolgere questa attività insieme ai più piccoli non è molto e dipenderà dallo spazio che avete a disposizione come famiglia. Nel caso avete un terreno di proprietà o un grande giardino vi basterà recintare una piccola parte ben esposta al sole con paletti e spago e dei paletti. Qualora non disponiate di ciò non c’è nessun problema: potete infatti praticare il giardinaggio con i vostri bambini anche sul balcone di casa dotandosi di un bel set di vasi o costruendo una cassa in legno da riempire di terra. L’importante è scegliere la zona esposta più a lungo alla luce del sole.

Il gioco del travaso

Quella della semina non è però l’unica attività divertente e costruttiva inerente al giardinaggio che potrai fare con i bambini. Il gioco del travaso per esempio potrebbe essere un’altra occasione per insegnargli a conoscere come è fatta una pianta e come sono fatte le sue radici facendogli fare un’operazione che sarà anche utile alla loro crescita. Quella del travaso è infatti un’attività introdotta dal metodo Montessori che consiste nel far travasare ai bambini oggetti (in questo caso terriccio e semi) da un recipiente all’altro ripetendo sempre lo stesso movimento. Se per noi adulti ripetere sempre le stesse cose appare stancante e noioso, lo stesso non vale per i bambini (soprattutto i più piccoli) che amano ripetere sempre gli stessi movimenti perché rappresenta per loro un’occasione di scoprire, migliorare e perfezionare i propri movimenti e prendere dimestichezza con il proprio corpo.

In questo caso per rendere ancora più divertente il tutto è bene scegliere piantine vivaci e colorate come Viole, Primule e Begonie o Ciclamini, Eriche, Edere e Cavoli ornamentali a seconda se siamo in primavera o in inverno. A questo punto,dopo aver disposto su un tavolo tutti i materiali necessari per il travaso, fai vedere ai bambini come fare il travaso spiegando cosa stai facendo in ogni singolo passaggio e perché ognuno di esso è così importante. Dopo avergli spiegato che prima del rinvaso per favorire un drenaggio corretto della terra andrà riposta dell’argilla espansa sul fondo, fate indossare loro grembiule e guanti da giardinaggio per bambini è giunto il momento di lasciare spazio alla creatività dei più piccoli che potranno sbizzarrirsi travasando più volte da un vaso all’altro le piantine creando svariate composizioni floreali a seconda dei loro gusti.

Decora il giardino

Attraverso il giardinaggio possiamo stimolare la fantasia e la creatività dei bambini in tantissimi modi. Uno di questi, soprattutto qualora non abbiate molto spazio, è quello di creare delle decorazioni originali in casa per realizzare un giardino incantato che farà molto felice il tuo bambino. Per realizzarlo basterà acquistare un tappeto di erba sintetica da stendere sul pavimento del vostro balcone o di un angolo della casa dedicato, e decorarlo con fiori di carta, di stoffa o di pasta di sale. Dopo aver collocato i vasetti con le vostre piantine potrete divertirvi insieme colorando i vasi, aggiungendo e pitturando sassi vari, nonché creando delle decorazioni con delle foglie che potrete appendere alla porta del vostro giardino incantato o sulla ringhiera del balcone. Trattandosi di un luogo magico per i bambini, date libero sfogo alla fantasia: divertitevi insieme ad addobbare il giardino con disegni o statuine di fate, gnomi ed elfi, e magari disponete delle piccole lampadine intermittenti ai quattro angoli per creare un’atmosfera magica che alimenterà la fantasia del vostro bambino e al contempo vi avrà permesso di creare un angolo verde all’interno del vostro appartamento o sul vostro balcone.