Costretti a trascorrere tanto tempo in casa, a causa dell'emergenza Coronavirus, il divano è diventato il posto preferito per molti. È per questo che andare a igienizzarlo diventa fondamentale, sopratutto per chi ha in casa animali e bambini piccoli. Tra i metodi più diffusi e più efficaci c'è senz'altro l'utilizzo degli igienizzanti a vapore, pratici e veloci, adatti sopratutto a chi ha divani non sfoderabili, che siano in tessuto o in pelle. Ecco allora alcuni pratici consigli per disinfettare proprio con il vapore il nostro amato divano e trascorrere il tempo in un ambiente pulito e sanificato.

Perché usare il vapore

Quante volte abbiamo guardato, sconfortati, le macchie sul nostro divano, temendo di non toglierle più o pentendoci di non aver scelto un divano che fosse sfoderabile? Il vapore è la soluzione che fa al caso nostro, adatto sia per smacchiare che uccidere microorganismi. Il vantaggio è che, una volta applicato direttamente sul tessuto, non va a sfibrarlo, ma lo igienizza in profondità, eliminando batteri e acari che si depositano su tutta la superficie. Prima di procedere alla pulizia, però, è necessario verificare, leggendo l'apposita etichetta, quale sia la temperatura massima da utilizzare.

Come disinfettare il divano in tessuto con il vapore

La maggior parte dei divani che si trova nelle nostre case è realizzata in microfibra, un rivestimento comodo e resistente. Sono pochi i passaggi da seguire per poterlo igienizzare senza per questo correre il rischio di deformarlo o rovinarlo.

Eliminare la polvere con l'aspirapolvere

Con un aspirapolvere dobbiamo togliere ogni residuo di polvere che si annida tra cuscini e cuciture. Questa operazione, per quanto semplice possa essere, richiede molta attenzione e precisione. Bisogna fare in modo di portar via tutti i granuli di sporco, in modo tale che, dopo aver utilizzato il vapore, l'acqua non funga da collante e li attacchi al tessuto.

Togliere le macchie

Nel caso in cui il divano presenti delle macchie, è necessario agire su di esse utilizzando prodotti appositi, generalmente si tratta di detergenti per tappezzeria. In alternativa è possibile adoperare detergenti naturali, a base di bicarbonato, aceto di mele e acqua. Per le macchie più ostinate si può utilizzare anche una miscela con ammoniaca. A seconda del prodotto adoperato, va rispettato il tempo di posa richiesto. Una volta suonato il timer, si può passare un panno pulito laddove prima c'era la macchia.

Utilizzare il vapore

Dopo aver completato tutti questi piccoli accorgimenti, è possibile andare a detergere il nostro divano con il vapore. Si possono scegliere, in questo caso sia pulitori a vapore portatili, decisamente più maneggevoli e leggeri, o pulitori multifunzione a traino, dotati di un serbatoio più capiente per l'acqua. La cosa importante, che se ne scelga uno multifunzione a traino o portatile, è che il modello sia tra i migliori sul mercato.

Come disinfettare il divano in pelle con il vapore

La pelle, come è noto, è un tessuto delicato che richiede precise indicazioni in caso di pulizia e detersione. Rispetto al normale tessuto in microfriba, è più semplice da smacchiare e non richiede numerosi step.

Il detergente per la pelle

Ciò che occorre fare è utilizzare un apposito detergente, da inserire nel serbatoio del nostro pulitore a vapore. Nel caso di divani di pelle è preferibile scegliere specifici accessori dedicati alla pulizia, come panni morbidi o spazzole.

Utilizzare il vapore

Dopo aver puntato il vapore direttamente a contatto con il divano e i cuscini, con il pulitore che abbiamo a disposizione, occorre andare ad assorbire l'acqua in eccesso per evitare che il divano possa bagnarsi troppo. Il segreto è lavorare su piccole sezioni per volta.

Asciugare con un panno

Dopo aver completato l'igienizzazione di tutto il divano, bisogna far assorbire gli ultimi residui di vapore con un panno pulito e assicurarsi, in questo modo, che sia completamente asciutto e pronto per essere riutilizzato.