Cresciuto a pane e moda, Lorenzo Bertelli è il figlio di Miuccia Prada e Patrizio Bertelli, chiamato a unirsi al gruppo di lusso di famiglia. Classe 1988, Lorenzo è nato sotto la stessa buona stella della madre, il 10 maggio, e da settembre 2017 ricopre il ruolo di Responsabile Marketing e Comunicazione. La nomina ha messo a tacere le voci di una eventuale vendita del gruppo e ha incoronato il giovane Bertelli come possibile successore della coppia. Inserito nella BoF 550, l'indice professionale definitivo delle persone più influenti nel mondo della moda, Lorenzo ha un curriculum tutt’altro che lineare.

Dalla laurea in Filosofia ai primi successi nel rally

Laureatosi in Filosofia con Massimo Cacciari, all’Università San Raffaele di Milano, fino al 2017 Bertelli junior ha inseguito la sua grande passione per il rally. Cominciata quasi per caso e più tardi rispetto ai suoi colleghi, la sua avventura al volante ha inizio nel 2010 con il debutto nel campionato italiano asfalto alla guida di una Fiat Abarth R3T 500. E la voglia di salire sempre più in alto lo porta, dopo solo quattro stagioni, a competere nel WRC, il campionato mondiale di rally, nel 2016. Sebbene un anno dopo abbia dovuto concentrare le sue energie per seguire il marchio di famiglia, ancora oggi, quando può, Lorenzo infila casco e tuta e si rifugia tra le sue piste. La velocità continua a essere il suo marchio di fabbrica. In pochi anni è riuscito a guidare il gruppo sulla strada della sostenibilità. «Negli ultimi anni Prada ha sviluppato nuove strategie per ridurre significativamente il proprio consumo di energia. Siamo orgogliosi di annunciare oggi che il 100% dell'energia che consumiamo sul suolo italiano proviene da fonti rinnovabili», parole con cui Lorenzo Bertelli spiega su Instagram l’impegno di Prada Group per l’ambiente.

La strada sostenibile imboccata da Lorenzo Bertelli

Prada Re-Nylon è uno dei progetti nati proprio seguendo questa scia e che, al posto del nylon vergine, utilizza nylon rigenerato, un tipo di filo ottenuto da rifiuti plastici recuperati negli oceani, come le reti da pesca, o da scarti di fibre tessili destinati alle discariche. Proprio alla cerimonia degli Oscar 2020, Timothée Chalamet ha indossato un completo della collezione Re-Nylon, composto da pantaloni e giacca in gabardine. L’esigenza di una maggiore sensibilizzazione su questi temi, ha portato anche alla nascita di un programma didattico, in partnership con l’UNESCO, dedicato alla sostenibilità e all’economia circolare e rivolto a scuole secondarie su scala internazionale. Nella visione di Lorenzo non è contemplata, però, solo la moda e lo testimonia l'attenzione rivolta ad altri settori: dalle attività culturali di Fondazione Prada, alla vela con Luna Rossa e i due eventi in programma per il 2021, l'America's cup e la Prada cup. L'amore per la filosofia, la passione per le strade sterrate e l'attenzione all'ambiente fanno di Lorenzo senza dubbio un uomo poliedrico, proprio come il marchio di famiglia a cui sta dando sempre di più la sua impronta personale.