Chanel, la celebre maison di moda francese fondata da Coco nel 1909, aprirà un nuovo negozio all’interno della galleria commerciale Vittorio Emanuele II di Milano che, in questo modo, si arricchisce di un nuovo prestigioso marchio famoso in tutto il mondo. Lo spazio misura circa 120 metri quadri e si sviluppa su tre livelli: un piano terra, un soppalco ed un piano ammezzato che dovranno essere ristrutturati e ri-arredati. Attualmente, i locali sono infatti occupati da Viganò, una boutique fondata nel 1919, specializza nella vendita di cappelli e di bigiotteria di alta classe.

La giunta milanese ha però approvato qualche giorno fa la loro cessione al celebre marchio internazionale. Chanel dovrà corrispondere al Comune di Milano il doppio del canone attuale e la durata del contratto non potrà essere prolungata in alcun modo, sarà l'Amministrazione a valutare la possibilità di mettere a bando i locali una volta scaduto l’accordo. La maison francese pagherà dunque un canone annuo di 314mila euro, contro i 129.300 euro di Viganò che si avvaleva del 10% di sconto concesso alle botteghe storiche, ed occuperà lo spazio nella galleria Vittorio Emanuele II fino al 2020.

Si tratta della seconda boutique gestita dalla maison francese sul territorio milanese, venderà accessori, articoli di profumeria e bellezza, così come anche la prima con sede in Via Sant'Andrea. Grazie alla boutique Chanel, si prevede che la redditività della Galleria commerciale Vittorio Emanuele II riuscirà ad aumenteare ulteriormente nel 2016, superando dunque i 27milioni di euro odierni.