"The Crown", la serie di Netflix dedicata alla Royal Family inglese, è la più vista delle ultime settimane. È arrivata alla sua quarta stagione, quella in cui si racconta dell'arrivo di Lady Diana in casa Windsor, e sta facendo rivivere agli spettatori gli eventi che hanno reso iconici gli anni '80 e '90. La cosa è andata a discapito di Camilla Parker Bowles, l'ex amante e ora seconda moglie del principe Carlo, che, vista la sua posizione, è sempre stata messa a confronto con la principessa. In molti sono tornati ad attaccarla duramente, costringendo i social media manager del profilo Twitter di Clarence House a disattivare i commenti.

Cosa è successo dopo la messa in onda di The Crown

Camilla Parker Bowles ha cominciato a far parlare di lei negli anni '80, per almeno un decennio è stata (quasi) segretamente l'amante del principe Carlo ma la conferma di quella relazione clandestina è arrivata nel 1995, quando la principessa Diana in persona in un'intervista rilasciata alla BBC parlò per la prima volta del suo matrimonio "affollato". È chiaro dunque che, una volta insidiatasi nella Royal Family in seguito alla morte di Lady D., Camilla non ha ottenuto consenso da parte del pubblico. Negli anni successivi, complice l'incedibile impegno professionale e il costante sostegno fornito al marito, la sua popolarità è cresciuta in modo esponenziale. Ora, però, pare che ci sia un'inversione di tendenza. A riaccendere il confronto con la compianta Duchessa è stata la serie The Crown, nella quale si è raccontato del primo matrimonio di Carlo, naufragato proprio a causa di quell'amante "ingombrante". Gli haters non ci hanno pensato su due volte a scatenare la polemica, commentando sui social con frasi del tipo "È inutile che ci provi, non sarai mai al livello di Diana", "Con i soldi puoi comprare abiti e gioielli, ma non certo la classe che aveva Lady D". Ora, nell'attesa che questo polverone si attutisca, non è più possibile lasciare commenti sull'account Twitter di Clarence House.