Beatrice Valli è diventata mamma per la terza volta lo scorso maggio, ha messo al mondo la piccola Azzurra, la seconda figlia nata dalla relazione con Marco Fantini, e oggi è più felice che mai. Certo, non è stato semplice affrontare il parto con la mascherina in piena emergenza Coronavirus, ma per foturna tutto si è risolto per il meglio e oggi si gode delle rilassanti vacanze in famiglia. Sui social non perde occasione per mostrarsi in costume mentre tiene tra le braccia i suoi bimbi e, nonostante sia una mamma trendy e in forma, di recente è diventata vittima di body shaming. Sono stati molti gli haters che l'hanno accusata di non aver ancora "smaltito" la gravidanza, sottolineando con disprezzo che cellulite, smagliature e pancetta sono evidenti. Sconvolta dalle offese cattive e gratuite, Beatrice ha messo a tacere le critiche con un post "illuminante" che ha dato forza a tutte le neo-mamma come lei.

Si è lasciata immortalare in un breve video mentre si tuffa in piscina con indosso un micro bikini, non avendo paura di rivelare le piccole imperfezioni post-parto, considerate non dei difetti ma piuttosto dei simboli di vita. Nella didascalia ha infatti spiegato:

Qualche smagliatura sui fianchi, qualcuna sotto al seno pesante, gonfio. Il mio corpo è cambiato, proprio come il vostro. Proprio come cambia il corpo di una madre. Io non sono perfetta, nessuno lo è. Non pensate di essere peggiori di nessuno. Siete splendide. E noi tutte siamo coraggiose, perché donare la vita è sempre un gesto di grande coraggio!

La Valli è una donna "normale" che ha visto il suo corpo cambiare in modo drastico tra gravidanza e parto proprio come succede a ogni mamma ma si piace così com'è, ha donato la vita e va fiera di quei segni che porta sul corpo e che vengono definiti erroneamente "imperfezioni". Quello che ci si chiede è: per quale motivo gli haters pretendono che una star vanti un fisico da urlo a poco più di due mesi dal parto? Non sarebbe forse arrivato il momento di smetterla di definire una donna in base alle sue forme, cominciando a celebrare la bellezza della maternità?