Si chiama B.zero1 ed è l'iconico anello di Bulgari che nel 2019 compie 20 anni. E' stato creato nel 1999 e da allora è diventato un simbolo della donna contemporanea che ama il lusso, tanto da essere considerato un must-have dagli amanti dei gioielli. Ha una forma facilmente riconoscibile con due fasce logate sui lati e una spirale centrale che dona movimento, anche se è stato più volte reinterpretato nel corso degli anni. Ecco la sua storia e perché è diventato tanto iconico.

La storia dell'anello B.zero1 di Bulgari

L'anello B.zero1 di Bulgari è uno dei gioielli preziosi più amati e richiesti al mondo ma in pochi conoscono la sua storia. E' nato nel 1999, poco prima dell'inizio di un nuovo millennio, quando la nota gioielleria ha deciso di creare un prezioso unico e strepitoso. L'obiettivo era dare vita a un anello che ricordasse l'architettura di uno dei monumenti più visitati d'Italia, il Colosseo, in maniera tale da essere un simbolo del nostro paese e delle sue tradizioni. E' proprio in questo modo che è nato l'iconico B.zero1, un prezioso che rappresentava un nuovo modo di fare gioielleria poiché non doveva essere indossato solo nelle occasioni importanti ma anche nella quotidianità, rendendo più sofisticati anche i look basic. La lavorazione della catena a tubogas, inoltre, è un omaggio all'azienda, visto che Bulgari ha introdotto quel motivo fin dai primi anni '40. Con il passare del tempo è stato poi reinterpretato prima con il B.Zero1 Perfect Mistake e poi con il nuovo disegno di Anish Kapoor. E' però nel 2015 che è arrivata la vera svolta, è l'anno in cui Bulgari ha scelto Zaha Hadid, l'architetto pluripremiato, per dare nuova vita all'anello, cambiando la sua forma ma non l'aspetto. Il suo B.zero1 Design Legend ha due fedine alle estremità con il logo Bulgari, ha le forme morbide, pulite, essenziali ma allo stesso tempo sensuali e mai eccessive. Oggi è ormai considerato il simbolo del lusso contemporaneo, una pura armonia di curve e di linee sinuose che si fonde letteralmente sul dito.

B.zero1, perché è diventato un'icona

Il B.zero1 di Bulgari non è solo un anello, è diventato una vera e propria icona capace di sfidare le convenzioni e di essere un simbolo della donna contemporanea che ama il lusso. Cosa ha contribuito a renderlo tanto richiesto in ogni parte del mondo? Il fatto che è versatile, comodo, unisex, personalizzabile con delle iscrizioni, tutte caratteristiche amate sia dagli adulti che dai più giovani. Può essere indossato non solo nelle occasioni speciali ma quotidianamente, aggiungendo un tocco prezioso e sofisticato a ogni tipo di look, da quelli più eleganti a quelli più casual. Non è un caso che siano moltissime le star che lo portano regolarmente, da Julia Roberts a Michelle Obama, fino ad arrivare a Jennifer Lopez. Insomma, il B.zero1 è un vero e proprio must-have per gli amanti dei gioielli preziosi, che sono disposti a spendere cifre esorbitanti solo per poterlo portare al dito ogni giorno.

B.zero1 di Bulgari, ecco quanto costa

Il B.zero1 di Bulgari è uno degli anelli più richiesti al mondo ma il suo prezzo non è accessibile proprio a tutti. Ne esistono 43 modelli diversi e hanno tutti delle caratteristiche differenti che ne fanno cambiare il valore. Quelli più economici sono in oro giallo o rosa 18 kt con una sola fascia, venduti entrambi a 1.140 euro, seguiti dalla variante in oro bianco da 1.210 euro. Per quelli classici con 4 fasce, invece, si parte dai 2.020 euro in oro giallo o rosa, arrivando ai 2.140 per quello in oro bianco, mentre il modello Design Legend disegnato da Zara Hadid parte da un minimo di 1,950 euro  l'anello in oro giallo o rosa con tre fasce ma può arrivare a oltre 7.100 euro per la variante decorata con i diamanti. Per il 20esimo anniversario dell'anello sono stati creati inoltre dei modelli appositi con 5 fasce e costano 2.200 euro se in oro giallo o rosa, 2.330 in oro bianco, 11.000 euro se con pavé di diamanti lungo tutta la spirale. Insomma, ce n'è davvero per tutte le tasche, anche se è chiaro che si parte da una base che non tutti possono permettersi. Chi però non ha alcuna intenzione di rinunciare a questo gioiello must-have può cominciare a risparmiare, così da poterlo portare al dito come una vera e propria star.