Beth Hall ha 24 anni, viene da Cambridge e ha rischiato di morire a causa dell’anoressia. Aveva 16 anni quando è stata vittima di bullismo e per lo stress non ha cominciato a mangiare. Assumeva solo 10 calorie al giorno, beveva tè e caffè e saltava ogni pasto. Nel 2008, inoltre, sua mamma è stata colpita da un cancro alla pelle e lei è riuscita a nascondere a tutti le sue insane abitudini alimentari. Riusciva a restare tre giorni senza mangiare assolutamente nulla e credeva che fosse assolutamente normale comportarsi così.

Era arrivata a pesare poco più di 31 chili e solo a questo punto si è resa conto di avere un disturbo alimentare che avrebbe potuto ucciderla. Ironicamente, aveva trovato un lavoro in un negozio di cioccolata e non aveva neppure la forza di muoversi. Nel 2011, poi, la diagnosi tragica. Beth ha infatti sviluppato un’infezione renale e solo allora ha deciso che era arrivato il momento di entrare in clinica per farsi curare. “Il medico mi ha detto che poteva sentire tutti i miei organi sotto pelle e che avrei finito per uccidermi non avessi cominciato a mangiare”, ha spiegato la ragazza.

Oggi, è finalmente tornata alla normalità, pesa circa 50 chili ed ha ricominciato a studiare grafica all’università. A causa della malattia, che aveva preso il controllo di tutta la sua vita, era stata infatti costretta ad abbandonare anche la sua carriera accademica. Di recente, Beth ha dichiarato: “Sono così sollevata per essere riuscita a mantenere un peso sano dopo aver combattuto contro l'anoressia. Non m’importava quanti chili perdevo, mi vedevo sempre grassa quando mi guardavo allo specchio”. vorrei sempre vedere un maiale grasso quando ho guardato nello specchio".