Jacqueline Ades è una donna di 31 anni, viene da Phoenix e di recente è stata arrestata con l'accusa di minacce, intimidazioni, stalking e molestie. Ad accusarla, un uomo di Paradise Valley di cui è innamorata: da quando lo ha conosciuto ci è uscita solo una volta insieme ma, nonostante ciò, ha cominciato a perseguitarlo. Gli ha mandato 65.000 messaggi, lo ha pedinato, è entrata di nascosto in casa sua e lo ha minacciato di voler fare il bagno nel suo sangue.

La cosa incredibile è che non ritiene di essere colpevole o di meritare il carcere, visto che si dichiara semplicemente innamorata di quell'uomo. "Mi sentivo come se avessi incontrato la mia anima gemella e ho pensato che avremmo fatto quello che facevano tutti gli altri, che ci saremmo sposati e che tutto sarebbe andato bene", ha spiegato Jacqueline. Secondo lei, quando si trova l'amore, non tutto è perfetto ma bisogna continuare a perseverare perché improvvisamente si verrà travolti dai sentimenti intensi e profondi.

E' stata arrestata quando si è presentata sul luogo di lavoro dell'uomo fingendo di essere sua moglie. E' stato proprio in quel momento che la polizia ha trovato un coltello da macellaio nella sua auto, dimostrando che avrebbe potuto mettere a serio rischio la vita dell'amato. Addirittura, quando all'interno della cella le è stato chiesto se avrebbe finalmente lasciato la vittima "libera", lei ha risposto semplicemente "Se lui vuole che lo faccia, lo farò". Come giustifica tutte le sue azioni? Ha spiegato che non ha mai voluto fare del male all'uomo, gli inviava messaggi minacciosi solo perché temeva che l'avrebbe lasciata.