Arisa ha un rapporto speciale con i suoi followers e non perde occasione per aprirsi e parlare liberamente di tutto ciò che le accade, dai successi alle esperienze negative. Nelle ultime ore ha deciso ancora una volta di parlare senza filtri, condividendo una serie di Stories emozionanti in cui ha rivelato quali sono le insicurezze che si ritrova ad affrontare ogni giorno. Ha spiegato che spesso non si piace, che prova a migliorarsi con tutte le sue forze e che a volte sente di toccare il fondo poiché finisce per autosabotarsi, non credendo abbastanza in se stessa. In quanti possono ritrovarsi in queste parole? Così facendo, la cantante ha dimostrato di essere una donna "normale" che, nonostante il successo, continua a combattere contro i suoi "fantasmi invisibili".

Arisa parla delle sue continue trasformazioni

Arisa è ormai diventata famosa per le continue trasformazioni ma in più di un'0ccasione è stata criticata per il suo aspetto estetico, anche se non ha nulla di cui lamentarsi. Secondo il pubblico, una volta ha i capelli troppo corti, un'altra troppo lunghi, un'altra volta ancora è ingrassata, poi è diventata troppo magra, insomma, sul web gli utenti trovano sempre il modo per polemizzare e per far sentire qualcuno inopportuno. Di recente, però, la cantante ha rivelato gli stati d'animo nascosti dietro quei suoi cambiamenti. Come ogni donna "normale", anche Arisa fa il possibile per piacersi ma si ritrova a combattere contro le insicurezze. Le sue parole sono state:

Ci sono lunghi periodi in cui pur di vedermi bella fuori ed essere soddisfatta della mia femminilità mantengo un regime alimentare impeccabile. Mi passano davanti pizze, pizzette, dolci e dico sempre "no grazie, preferisco il pollo lesso". Ma chi ci crede? Io sono pignola e mia madre è la maga della cucina. Se cresci in un posto in cui ogni giorno benedici il cibo per la sua bontà non puoi dimenticartene così…perché serve entrare in un jeans. Quindi il giorno stesso in cui la bilancia segna 53 kg, dopo mesi e mesi di regime, parte il primo pacco di pan di stelle, poi la sera una pizza e perché no anche una birra. L'anno scorso nel giro di due mesi (ottobre/novembre) sono riuscita a guadagnare 13 kg.

Subito dopo ha fatto riferimento ai capelli, non avendo paura di mostrasi prima con il caschetto, poi con il taglio rasato, al quale è passata per combattere la tricotillomania. Insomma, nelle Stories di Instagram Arisa non ha fatto altro che parlare della sua umanità e quelle parole emozionanti ed illuminanti non possono fare a meno di commuovere, facendo passare in secondo piano i possibili chiletti di troppo.

Le foto che ha condiviso Arisa nelle sue Stories
in foto: Le foto che ha condiviso Arisa nelle sue Stories

Se la smettessimo di alimentare le nostre insicurezze?

Arisa non vuole essere vista come una star inarrivabile che, avendo calcato i palcoscenici più ambiti del nostro paese, spopolando con la sua meravigliosa voce, crede di essere perfetta e intoccabile. La verità è che si sente una donna "normale" e come tutte le persone comuni combatte costantemente contro le sue insicurezze. In alcune delle sue Stories ha affermato:

Ho ricevuto milioni di delusioni in questa vita e tante gioie di cui non ho saputo godere perché mi sembrava troppo strano che qualcosa potesse succedere a me. […] Ho la testa piena del giudizio che ho di me stessa e non faccio altro che autosabotarmi.

In quanti si sono ritrovati a pensare esattamente lo stesso, a dimostrazione del fatto che il successo non è assolutamente sinonimo di felicità? Arisa e tutti quelli che come lei lottano contro i propri "fantasmi invisibili" farebbero bene a smetterla di alimentare le proprie insicurezze, finendo per non credere in se stessi. E' inutile disperarsi per qualche chiletto di troppo, per la cellulite che non va via, per le doppie punte invisibili, per qualche brufolo o per le piccole imperfezioni, sono proprio questi dettagli a renderci unici, particolari, speciali. Cosa succederebbe se cominciassimo a dire addio all'ossessione per l'estetica, concentrandoci solo sul nostro talento, sulla bellezza del nostro animo e sui nostri migliori aspetti caratteriali? Di sicuro l'autostima crescerebbe, ci renderemmo conto del fatto che siamo bellissime così come siamo e di conseguenza anche gli altri ci guarderebbero con occhi diversi.

Arisa, una donna che non ha paura di reinventarsi

Ben vengano, dunque, le donne come Arisa, quelle che continuano a farsi mille domande anche quando (all'apparenza) hanno raggiunto il massimo della soddisfazione, quelle che in fondo non perdono mai la speranza e che trovano sempre la forza di rialzarsi. "Toccare il fondo, guardarsi da lontano, non piacersi e ricominciare": Arisa ha dimostrato così che sono proprio le insicurezze a essere il suo punto di forza poiché è combattendo contro di loro che trova il coraggio di reiventarsi, ripartire da zero e tornare a credere in se stessa. A volte "toccare il fondo" è un'esperienza catartica, capace di far comprendere quali sono le priorità della vita e in questa "lista ideale" l'estetica conquista sempre l'ultimo posto.