Benjamin Astbury è nato lo scorso anno presso il Wrexham Maelor Hospital. La sua storia è molto particolare. E’ stato concepito attraverso la fecondazione in vitro, poco dopo il parto pesava solo poco più di 50 grammi, ha avuto cinque arresti cardiaci e gli era stata diagnosticata una enterocolite necrotizzante, cioè una condizione in cui le parti dell’intestino subiscono la morte dei tessuti. Ha trascorso i suoi primi giorni al Baby Care Unit Special del Maelor prima di essere trasferito nell’ospedale di Liverpool.

I medici gli davano il 10% di possibilità di sopravvivenza ed anche i genitori Taniya e Steve credevano che quel piccolo non avrebbe avuto la forza di superare tutti i problemi di salute, ma lui incredibilmente ce l’ha fatta e il prossimo 15 aprile spegnerà la sua prima candelina.  Benjamin lotta ogni giorno per la sopravvivenza, ma ogni giorno migliora sempre di più, tanto da essere arrivato quasi ai 6 chili. Gli infermieri che l’hanno visto nascere lo hanno definito “il bambino più piccolo mai nato” Infermiere ha detto che era la bambina più piccola che avessero mai visto nato in ospedale.

Taniya Astbury, la 36enne madre del bimbo, ha raccontato: "Ci sono momenti in cui io e mio marito Steven siamo stati in ansia, ma i miracoli accadono e oggi siamo assolutamente al settimo cielo”. Benjamin non ha neppure un anno, ma per tutte le “avventure” che ha vissuto ha dimostrato già di essere un coraggioso combattente. Il piccolo andrà a casa entro la fine dell’anno, dato che dovrà essere sottoposto ancora ad altre operazioni, ma la sua mamma ha dichiarato: "Vederlo avvicinarsi al suo primo compleanno, dopo tutto quello che è accaduto, è incredibile. Siamo molto orgogliosi di lui e ci auguriamo che possa essere una fonte di ispirazione per molti altri”.