Rachel Crowther è una bambina del Queensland e fin da quando è venuta al mondo ha dimostrato di essere una guerriera. E' nata prematura alla 24esima settimana nel 2007, pesava solo 669 grammi e i medici le davano solo il 5% di possibilità di sopravvivere. La mamma Rhonda ha infatti avuto un'abrasione placentare, che si verifica quando la placenta si separa dall'utero, e ha partorito decisamente in anticipo rispetto a quanto previsto.

Come se non bastasse, secondo gli esperti, se la piccola fosse rimasta in vita, avrebbe probabilmente riportato dei danni al cervello oppure qualche forma di disabilità. I genitori sono rimasti senza parole nelle ore successive al parto, visto che la bimba era così piccola da avere le stesse dimensioni di una bottiglia di Coca-Cola. "Rachel era così piccola che la sua testa era della grandezza di una palla da tennis. I medici mi dicevano di lasciarla morire", ha spiegato Rhonda ricordando quei terribili momenti.

Non è un caso che all'inizio si sia goduta il tempo passato in compagnia della bimba il più possibile, consapevole del fatto che sarebbe potuto finire presto. La prima volta che ha potuto tenerla tra le braccia si è emozionata così tanto da essere arrivate alle lacrime. Anche se le aspettative erano davvero drammatiche, la bimba è riuscita a combattere con tutte le sue forze, sopravvivendo. Oggi Rachel ha 10 anni, è in perfetta salute e rende i genitori fieri e felici. Rachel ha dimostrato a tutti che non bisogna mai perdere le speranze, anche quando la situazione sembra essere irrecuperabile.