Tracy Ralph ha 34 anni, viene da Hawkwell, nell’Essex, ed è mamma di due bambini. E’ sempre stata appassionata di jogging ed infatti si allenava regolarmente per partecipare alle maratone locali, quando il mese scorso ha cominciato ad avere sempre meno fiato. Ha pensato che fossero dei sintomi pre-influenzali, cosa comune in quel periodo dell’anno, ma in poco tempo la sua condizione ha cominciato ad aggravarsi.

Aveva problemi di respirazione ed è così corsa al Southend Hospital, dove i medici hanno deciso di ricoverarla. Fin dal primo momento le hanno diagnosticato una polmonite gravissima e, nel giorno di Natale, l’hanno trasferita all’ospedale St. Thomas di Londra. Le arrivava poco ossigeno al cuore e al cervello e la malattia le ha causato anche meningite e setticemia. Per salvarla, i dottori avevano deciso di provare con il coma indotto. La sua salute, però, non migliorava, l’unica soluzione era procedere con l’amputazione della gambe e delle dita delle mani.

La sua famiglia è stata completamente sconvolta, ma tutti hanno deciso di creare una pagina Internet di raccolta fondi per trovare il denaro necessario per la sua riabilitazione e per l’acquisto di protesi. Fino ad ora hanno raccolto 25 mila sterline. Sua sorella, Amanda Ralph, ha dichiarato: “Per noi è davvero umiliante, ma questa iniziativa è l’unica cosa che può aiutarci, in sole 24 ore abbiamo raggiunto 18 mila sterline. Tracy è una bella persona e ci sono molte persone disposte a sostenerla”. Attualmente, la donna si trova ancora in terapia intensiva, ma quando uscirà avrà bisogno di molto aiuto sia dal punto di vista fisico che psicologico. Le è sempre piaciuto fare sport, ma ora per lei sarà molto difficile ricominciare.