pillola-contraccettiva

L'allerta parte dall’American College of Obstetricians and Gynechologist di New York che ha dimostrato come alcune piccole anticoncezionali possano mettere a rischio la donna provocandole un rischio di trombosi.

Le pillole sotto accusa sono, in particolare, quelle di ultima generazione, che sono composte dall'ormone drospirenone. Sono tantissime le donne che ne fanno uno in tutto il mondo e le ricerche dimostrano come, ogni 10.000 che ogni anno assumono la pillola tradizionale si verificano dai 3 ai 9 casi di tromboemolia. L'allarme non è sicuramente troppo preoccupante al momento perché i riscontri restano contenuti ma questi si alzano se si evidenzia anche il fatto che sulle donne che non assumono la pillola contraccettiva si abbassa il rischio da uno a cinque e arriva addirittura fino al 10 ogni 10.000 donne che la utilizzano nel caso si assumesse la nuova pillola in commercio contenente l'ormone drospirenone.