Lo stilista Alber Elbaz è morto in un ospedale di Parigi all'età di 59 anni. Esuberante, fantasioso, eccentrico: con i suoi occhiali e il suo senso estetico era diventato un'icona del mondo della moda. Il suo nome sarà legato per sempre a Lanvin, la Maison che ha rivoluzionato completamente. La notizia della sua scomparsa è stata comunicata dalla Compagnie Financière Richemont, ma le cause della morte non sono ancora state confermate.

Lo stilista Alber Elbaz
in foto: Lo stilista Alber Elbaz

La carriera, da Saint Laurent a Lanvin

Nato a Casablanca, in Marocco il 6 febbraio 1961, Elbaz era cresciuto in Israele. Alla metà degli anni Ottanta aveva presto preso il largo, alla volta di New York, spinto dalla passione per la moda e da un precocissimo talento. La sua prima esperienza professionale è stata nell'atelier di Guy Laroche, nel 1996. Dopo una breve esperienza nel brand Krizia, nel 1998 Elbaz è diventato direttore creativo di Yves Saint Laurent per tre stagioni, nominato da Pierre Bergé in persona. Ma la sua più grande avventura professionale è stata all'interno di Lanvin, dove è rimasto dal 2001 al 2015 rinnovando profondamente la Maison per renderla più giovane e accattivante.

Lo stilista aveva appena lanciato una nuova start up

Amatissimo dalle star del cinema, tra le sue clienti c'erano Nicole Kidman, Natalie Portman, Sofia Coppola. Meryl Streep, Demi Moore, Catherine Deneuve, Kate Moss, Uma Thurman, Julianne Moore e Gwyneth Paltrow. Nel 2015, il tumultuoso divorzio: dopo essere stato estromesso da Lanvin lo stilista si era preso una pausa di 5 anni. Dopo varie collaborazioni, di recente aveva lanciato la start up AZ Factory, specializzata in abiti stretch in tessuti tecnici e taglie per tutte. Il suo partner finanziario, la compagnia Financière Richemont, ha confermato la sua morte.