Si chiama Aaron Philip, ha 17 anni e, nonostante sia costretta sulla sedia a rotelle, è riuscita lo stesso a realizzare il suo sogno, quello di diventare modella. E' affetta da paralisi cerebrale, è trans e di colore e fino allo scorso anno credeva che sarebbe stato abbastanza improbabile entrare nel mondo della moda, visto che difficilmente quell'ambiente dava spazio alle diversità. Oggi, però, il suo desiderio è diventato realtà: Aaron ha firmato un contratto con l'agenzia Elite, diventando la sua prima modella in sedia a rotelle.

La storia di Aaron Philip

Nelle ultime ore il nome della 17enne transessuale Aaron Philip sta facendo il giro del web: è infatti la prima modella in sedia a rotelle a essere entrata nella Elite models, una delle agenzie fashion più famose e ambite al mondo. E' disabile, fin dalla nascita soffre di paralisi cerebrale e non ha avuto un'infanzia semplice. A 11 anni ha vissuto senza fissa dimora e a causa della sua disabilità è stata sempre esclusa ma, nonostante ciò, è rimasta positiva e determinata. Conoscendo l'enorme potere dei social, ha pensato bene di servirsene per farsi notare. Ha così scelto i suoi abiti migliori, si è scattata delle foto e le ha postate su Twitter con tanto di didascalia: "Quando verrò scoperta da un'agenzia sarà finita per voi! E con voi intendo il mondo! E' arrivato il momento di dare spazio alla diversità, abituatevi". Dopo questo intervento provocatorio, sono stati moltissimi quelli che l'hanno contattata per esprimerle la propria stima. Anche la famosa agenzia di modelle l'ha notata, offrendole addirittura un contratto. "All'ultima Fashion Week di New York avrei dovuto sfilare anche io. Stavamo sistemando i dettagli ma poi ci siamo accorti di un problema: non c'erano passerelle senza barriere architettoniche. Non erano accessibili per me", ha spiegato la Philip, affermando che non vede l'ora di esordire in passerella, dato che avere visibilità potrebbe essere un passo importante per la sua comunità.

Aaron Philip, la modella disabile passata alla storia

Se fino a qualche tempo fa Aaron credeva che non avrebbe mai avuto la possibilità di lavorare nel mondo della moda, visto che difficilmente in quest'ultimo si dava spazio alla diversità, oggi si è dovuta ricredere. Le cose stanno cambiando e si comincia a dare sempre più spazio a degli ideali di bellezza diversi. Grazie al suo coraggio, alla sua forza e alla sua determinazione, la 17enne è stata capace di passare alla storia, scrivendo il primo capito di un cambiamento epocale che presto verrà attuato nel fashion system. Cosa l'ha resa tanto apprezzata? Il fatto che, nonostante le mille avversità che si è ritrovata ad affrontare nella sua vita, non si è mai sentita una vittima, il tutto grazie alla famiglia che l'ha sempre sostenuta e guidata. La speranza è che le modelle in sedia a rotelle non siano più solo un'eccezione ma diventino la normalità, così che le persone disabili si sentano finalmente incluse in un modo che fino a qualche tempo fa gli ha sempre sbarrato le porte in faccia.