Dawn Shaw ha 48 anni, viene da Grapeview, a Washington, e non ha mai avuto una vita facile. E’ nata con un tumore alla trachea e, per sopravvivere, ha dovuto rimuovere una parte della mascella. L’operazione le ha sfigurato il viso, le ha fatto perdere l’udito e le ha causato una paralisi parziale. Durante tutta la sua vita ha subito insulti ed è stata vittima di bullismo, ma nonostante ciò ritiene di essere perfetta così com’è, tanto da non desiderare alcun tipo di ricostruzione del viso.

Non lascio che il mio aspetto mi definisca. Il volto è la prima cosa che notiamo in una persona che incontriamo per la prima volta, ma non è indicativo della propria visione del mondo”, ha spiegato Dawn. Ha il volto sfigurato, ma non ha permesso che la deformità le impedisse di godersi la vita. in modo da avere un volto che è fisicamente diverso ha decisamente cambiato il modo in cui il mondo percepisce me, che a sua volta influenza la mia visione del mondo. Le critiche e le offese non la scalfiscono, è forte ed ha fiducia in se stessa. "Sono stata presa spesso in giro e da piccola la cosa mi ha fatto stare anche male. Oggi è diverso. Se la gente vuole giudicarmi, non è un mio problema", ha affermato Dawn con sicurezza.

Ad aiutarla in questo percorso di accettazione sono stati i suoi genitori, che non si sono mai vergognati del suo aspetto, ma che anzi l’hanno mostrata a tutti con orgoglio. Prima o poi, Dawn spera di trovare una persona che riesca a guardare oltre le apparenze e a lasciare in secondo piano il suo aspetto. Ha una personalità forte e coraggiosa ed è convinta che presto realizzerà il suo sogno.