Sophie Smith ha 6 anni, viene da Gateshead ed ha vissuto con un grave problema congenito al cuore per più di cinque anni. Vive con la nonna e la sorella e tutti avevano sempre pensato che si trattasse di un semplice raffreddore, non sapendo che in realtà la piccola era in pericolo di vita. La nonna Janice ha cominciato a preoccuparsi seriamente per la salute della nipotina quando improvvisamente si è ammalata a scuola, durante una lezione di teatro. Dopo essere arrivata al Freeman Hospital di Newcastle, i medici le hanno diagnosticato il cosiddetto "soffio al cuore". Sophie è stata subito sottoposta ad un intervento chirurgico molto rischioso per correggere il suo difetto cardiaco.

La nonna Janice, a 55 anni, è rimasta stupita e terrorizzata. Il difetto del setto atriale, più comunemente conosciuto come “soffio al cuore”, si forma fin dalla nascita e a lungo andare avrebbe potuto mettere a rischio la bambina con infezioni polmonari e gravi problemi respiratori. Sophie soffriva spesso di continui raffreddori, ma tutti avevano pensato che fosse solo un po’ debole e cagionevole e che il contatto con i bambini della sua classe la facesse ammalare più spesso degli altri. Dopo l’operazione d’emergenza, la bambina è rimasta per cinque giorni in ospedale. Sophie, oggi, è tornata a casa, sta recuperando tutte le sue forze. Presto sarà capace di tornare a scuola e sarà “sana come un pesce”, come dice la nonna.