Katelin Shipp è una ragazza di 20 anni, viene da Dubbo, nel New South Wales, ed è nata con una fibrosi cistica, una malattia genetica rara che provoca infezioni polmonari ricorrenti, insufficienza pancreatica, steatorrea, ostruzione intestinale. Fin da quando era piccola, si è ritrovata alle prese con farmaci, medici e ospedali e si è subito resa conto del fatto che ogni giorno della sua vita sarebbe stato una sfida durissima.

Negli ultimi tempi, però, le sue condizioni di salute si sono aggravate. Katelin è stata portata d’urgenza in ospedale la scorsa settimana a causa di una crisi polmonare ed è rimasta in terapia intensiva per diversi giorni. Ancora oggi, per respirare bene, deve rimanere 14 ore legata alle macchine ed è per questo che i medici le hanno consigliato un intervento drastico, l’unico capace di farla sopravvivere: un doppio trapianto. Ora, la ventenne è stata messa in lista ma non sa quanto tempo passerà prima di trovare un donatore di due polmoni.

Potrebbe essere una settimana oppure un mese, non ci possono dare dei tempi precisi. Ora devo servirmi delle macchine per respirare e ho un tubo nello stomaco”, ha spiegato Katelin. Come se non bastasse, la ragazza è dimagrita moltissimo, tanto da arrivare a 39 chili. I medici temono infatti che possa non essere capace di affrontare un intervento delicato come il trapianto. A questo punto, non le resta che provare a mettere su peso mentre aspetta il donatore di organi: la speranza è che il trapianto le faccia dire finalmente addio alla malattia che l'ha afflitta fin da piccolissima.