Con l'arrivo dell'inverno è necessario utilizzare il riscaldamento in casa per rendere caldo l'ambiente domestico, spesso però si va incontro a bollette salate. E allora, come risparmiare sul riscaldamento? Esistono dei semplici accorgimenti che possiamo mettere in atto per risparmiare sul riscaldamento di casa e diminuire spese e sprechi inutili. Vediamo come fare.

Come risparmiare sul riscaldamento: tutti i consigli utili

Esistono delle semplici regole da seguire per risparmiare non poco sul riscaldamento: eliminando gli sprechi possiamo dimezzare la nostra bolletta. Ecco come.

1. Mantenete la temperatura non oltre i 20°C

Avere una temperatura troppo alta in casa, oltre ad essere uno spreco energetico fa anche male alla salute. I termosifoni devono essere regolati in modo da non superare mai i 20°C. Aumentare la temperatura anche solo di un grado aumenta i consumi di circa l'8%. La temperatura ideale sarebbe 19° per avere la casa ben riscaldata e risparmiare un bel po' sulla bolletta.

2. Aprite le finestre per il tempo necessario a garantire il ricambio d'aria

Per sentire gli effetti del calore emanato dal riscaldamento, è fondamentale tenere le finestre chiuse. Solo in questo modo non si disperderà il calore creatosi in casa. Bastano 10 minuti al mattino per arieggiare l’ambiente. Aprire le finestre durante le ore in cui è acceso il riscaldamento, fa raffreddare inutilmente l'ambiente domestico e fa aumentare di molto i consumi, proprio perché aiutano la dispersione del calore.

3. Evitate gli spifferi d'aria

Gli spifferi sono i nemici del riscaldamento domestico. La prima cosa importante da fare è individuarli ed eliminarli: ci costringono infatti ad alzare la temperatura con un notevole spreco che ci costerà caro. È importante quindi sostituire i vecchi infissi: per mantenere il calore nella propria stanza il più a lungo possibile, è necessario isolare l’ambiente attraverso infissi con telai ad altra prestazione e finestre con doppi vetri. In questo modo, si riducono drasticamente le infiltrazioni di aria fredda. Altrimenti sarà necessario utilizzare dei pezzi di stoffa per bloccare gli spifferi, da posizionare tra l'infisso e la finestra o sotto la porta d'ingresso.

4. Spurgate l'aria dai radiatori e non dimenticate la manutenzione

L'aria dei radiatori va periodicamente spurgata in quanto ne impedisce il pieno funzionamento facendo lavorare oltremodo la caldaia e aumentando i consumi. Se avete termosifoni vecchi senza valvola di sfiato, fatela installare, vi sarà utile per risparmiare sul riscaldamento. Inoltre fate attenzione alla manutenzione: eliminare il calcare dai vostri apparecchi almeno una volta all'anno è necessario. Se la caldaia non è efficiente il consumo di gas può aumentare fino al 30%.

5. Riscaldate la casa solo quando serve e installate le valvole termostatiche

Quando non siete in casa evitate di accendere i riscaldamenti: è inutile riscaldare la casa quando non potete beneficiare del calore. Chi non ha un riscaldamento centralizzato farà bene a usufruire del calore solo quando si è presenti nell'abitazione. Altrimenti si può installare un timer programmandolo magari un paio d'ore prima del vostro ritorno a casa.

Inoltre, per regolare i consumi, non dimenticate di installare le valvole termostatiche: apparecchi che aprono e chiudono la circolazione di acqua calda nel termosifone e mantengono costante la temperatura che è stata impostata. È importante inoltre chiudere le porte dei locali vuoti, altrimenti il calore prodotto rischia di perdersi.

6. Isolate le pareti e non coprite i termosifoni

Anche le pareti, naturalmente, devono essere isolate per mantenere il calore. L’ideale è installare dei pannelli di materiale isolante dall'interno, così da diminuite la domanda di calore dal 20 al 40%.

Coprendo i termosifoni con vestiti umidi, panni del bucato ed altri indumenti, naturalmente riduce la loro efficacia, soprattutto quando le temperature esterne sono davvero rigide. Si consiglia inoltre di tenerli liberi anche da copritermosifoni o mobiletti ad incasso che non permettono all'aria di circolare liberamente.

7. Tenete abbassate le tapparelle

Anche tenere abbassate le tapparelle aiuta ad evitare la dispersione del calore: tenetele abbassate quindi la notte e già durante le ore serali, aiuterà a mantenere la casa più calda. Sono importante poi anche i doppi vetri, da preferire a quelli normali che lasciano sfuggire maggiori quantità di calore raffreddando la nostra abitazione.

8. Evitate l'uso di stufe elettriche

Se volete risparmiare sulla bolletta evitate poi le stufe elettriche: anche se aiutano ad alzare la temperatura in casa, consumano molta energia. Meglio quindi seguire tutte le regole che abbiamo fino ad ora elencato e accendere solo i termosifoni in modo responsabile e adeguato, così non si avrà bisogno di utilizzare altro per riscaldare la casa.

9. Attenzione alle ore notturne

Durante la notte è meglio tenere spenti i termosifoni, meglio mettere una coperta in più o utilizzare un pigiama più pesante per evitare una bolletta salata. Magari potete regolare il timer in modo che si accendano un paio d'ore prima del risveglio. Se vivete in un luogo particolarmente freddo, allora regolate la temperatura sui 16° C la notte. SE avete un impianto centralizzato chiedete all'amministratore di installate un sistema di contabilizzazione del calore per dividere la spesa con gli altri condomini in base all'effettivo utilizzo del riscaldamento.