Avete trovato l’uomo della vostra vita e credete che sia il momento giusto per cominciare una convivenza? Attenzione, anche le coppie più unite e durature possono incontrare qualche problema. Se un tempo dopo il fidanzamento si passava direttamente al matrimonio, oggi si preferisce mettere alla prova la coppia con un periodo di “transizione” e di convivenza, così da evitare delle spiacevoli rotture o addirittura dei divorzi.

La convivenza però non sempre rende felici due fidanzati e bisogna pensarci bene prima di compiere un passo tanto importante. Una volta che si condivide la casa, ognuno avrà le proprie esigenze, i propri orari, le proprie abitudini e, perché no, anche delle piccole stramberie. Tra faccende domestiche, bollette da pagare e disordine dilagante, l’amore e la disponibilità cominceranno sicuramente a vacillare ed è proprio per questo che bisogna mantenere la calma.

1. Si ascoltano le richieste del partner – In un rapporto consolidato è fondamentale ascoltare le richieste del partner e creare una relazione equilibrata. Quando due fidanzati saranno capaci di stare insieme senza alcuna forzatura, allora vorrà dire che saranno pronti per la convivenza.

2. Si vogliono condividere i propri progetti – Il momento giusto per trasferirsi a casa del proprio partner non è lo stesso per ognuno di noi, tutto dipende dal clima positivo che si crea all'interno della coppia. Per capire che si è pronti bisogna sentire crescere il desiderio di condividere progetti e risorse economiche con l'altra "metà della mela".

3. Si riesce a mantenere la propria identità – Per due persone che vogliono cominciare a convivere, è importante mantenere la propri identità e la propria autonomia. Né lei, né lui dovranno "appigliarsi" all'altro di fronte ai piccoli problemi quotidiani.

4. Non si fa solo per assecondare il partner – Quando si fa una scelta simile solo per assecondare i sogni del partner, si è destinati al fallimento. La convivenza “forzata” viene infatti vista come un ostacolo alla realizzazione personale e alla propria libertà e di conseguenza non durerà molto.

5. Essere pronti al peggio – La convivenza fa uscire il meglio e il peggio di ogni persona e, quando si va a vivere con l'amore della propria vita, si deve essere pronti al peggio. Se le cose dovessero andare male è la dimostrazione che non esiste armonia nella coppia. A quel punto, è proprio il caso di chiedersi se quella storia possa davvero durare per tutta la vita.