Miranda Licence è una donna di 24 anni, viene dal Queensland e la sua storia è assurda. Qualche tempo fa, dopo essere andata a correre, si è concessa un pisolino ma, una volta risvegliatasi, non è riuscita più a muovere gambe e braccia. Portata d’urgenza in ospedale, i medici non hanno notato nulla di strano nelle sue condizioni di salute e non sono riusciti a dare una spiegazione a quella terribile paralisi.

Durante la notte, infatti, la donna ha recuperato l’uso di braccia e gambe ma, nel momento in cui ha provato a camminare, ha scoperto che lo faceva andando all’indietro. Quattro settimane dopo il suo ricovero, ogni volta che tentava di alzarsi dal letto finiva per cadere, non essendo abituata a camminare a ritroso. In seguito a diversi esami del sangue e svariate ricerche, si è poi giunti alla diagnosi: Miranda era affetta da un disturbo neurologico noto anche come “disturbo di conversione”, i cui sintomi più comuni erano cecità, intorpidimento, paralisi e black-out.

A causarlo era stato probabilmente un dolore acuto, un danno fisico o un episodio che genera panico. "Sapevo che ero ancora fisicamente in grado di camminare ma non riuscivo a farlo. E' stato terribile, mi sentivo una stupida", ha dichiarato la donna, ancora sconvolta da quello che le è accaduto. Oggi, dopo sette settimane di orrore e dopo ore ed ore di fisioterapia, Miranda ha imparato di nuovo a camminare ma non dimenticherà mai l’incubo in cui si è ritrovata. Le ha fatto capire che, anche di fronte ai problemi che sembrano insormontabili, bisogna avere perseveranza. Solo in questo modo si potrà tornare ad essere felici.