migliori caldaie a condensazione

Le caldaie a condensazione sono delle caldaie ad acqua calda che rappresentano un’evoluzione più efficiente delle tradizionali caldaie a gas. Infatti, queste nuove tipologie, permettono di risparmiare sui costi in bolletta per il riscaldamento domestico e per l'erogazione dell'acqua calda sanitaria, hanno una resa energetica superiore e, consumando meno gas metano, inquinano di meno, ragion per cui lo Stato ha predisposto delle agevolazioni fiscali per chi sostituisce la vecchia caldaia con una di questo tipo. La principale differenza tra una caldaia classica e una caldaia a condensazione risiede nel fatto che quest'ultima ha un maggior rendimento perché riutilizza i fumi latenti per generare altra acqua calda, piuttosto che disperderli nell'aria.

In commercio sono disponibili diversi modelli e la scelta dipende dalle esigenze del nucleo familiare e dall'appartamento che bisogna riscaldare. Le diverse caldaie a condensazione si differenziano per la potenza termica, per esempio quelle da 28kW sono perfette per case di 180 mq: per avere una maggiore efficienza possono essere predisposte due diverse potenze, una per l'acqua calda sanitaria ed un'altra per i riscaldamenti. Inoltre, bisogna considerare la classe di efficienza: ad oggi tutte le caldaie a condensazione appartengono alla classe A, ma con gli appositi sistemi di integrazione è possibile raggiungere la doppia classe di efficienza A+.

Scopriamo insieme quali sono le migliori marche di caldaia a condensazione tra Vaillant, Baxi, Beretta, Viessmann, Riello, Hermann ed Elco, disponibili nella sezione dedicata di Amazon.

Classifica delle migliori caldaie a condensazione del 2021

Nella classifica abbiamo raccolto le migliori caldaie a condensazione disponibili online. Per la scelta abbiamo tenuto il considerazione il rapporto qualità/prezzo, la potenza termica, la classe di efficienza energetica e le recensioni degli utenti che le hanno acquistate online.

1. Junkers: caldaia da esterno

Caldaia a condensazione da esterno

La prima proposta della nostra classifica è questa caldaia a condensazione Junkers da esterno. Si tratta di un modello a gas con un ottimo rapporto qualità/prezzo. Le dimensioni della caldaia sono 35 x 44 x 72, può essere installata all'aperto ma si consiglia comunque di posizionarla in un luogo abbastanza coperto. È di classe B per quanto riguarda il riscaldamento e classe A per l'acqua calda sanitaria. L'azienda offre una garanzia di be 5 anni per qualsiasi malfunzionamento o difetto di fabbrica.

2. Immergas: caldaia a condensazione made in Italy

 Immergas caldaia a condensazione

Se cercate un prodotto made in Italy, potete affidarvi al marchio Immergas. In particolare, questo modello Victrix EXA 24, più economico del seguente, ed è anche più grande perché misura 76 x 44 x 30 cm. Grazie all'app Dominus è possibile gestire le operazione della caldaia anche da smartphone, in qualunque momento e da qualsiasi luogo vi troviate. Il rendimento per quanto riguarda il riscaldamento è di 23 kW e, per quanto riguarda l’acqua, è di 27,7 kW.

3. Immergas: caldaia Victrix Tera 24

 Immergas caldaia a condensazione

Immergas propone questa caldaia a condensazione moderna ed efficiente. Il modello Victrix Tera 24 è da 24 kw ed è tra i modelli più compatti con le seguenti dimensioni: 75 x 44 x 26 cm. È un modello con funzione antigelo fino a -5°, quindi, può essere installata anche esternamente. L'alimentazione può avvenire sia a GPL o a metano, basta comunicarlo in fase di acquisto al venditore. Sulla facciata anteriore presenta un comodo display illuminato con 7 tasti per gestire le funzioni dell'apparecchio. La classe di riferimento è la A che con un buon termostato può rientrare nella categoria di quelle per cui lo Stato prevede di elargire un bonus per incentivare l'efficienza energetica.

4. Ariston: caldaia a condensazione murale

caldaia a condensazione murale

Tra le caldaie a condensazione Ariston, questo modello AristonAlteas One NET è il miglior modello di caldaia a condensazione murale in commercio con produzione di acqua calda sanitaria a metano. Si tratta di una caldaia a camera stagna con ampio display interfaccia touch. Il pannello in vetro temperato antigraffio è super resistente. Grazie all'app Ariston NET puoi essere sempre connesso con la caldaia e controllarla anche a distanza. Inoltre, è compatibile con Alexa e Google home per i comandi vocali. La caldaia è di Classe A+ grazie alla sonda esterna e al termostato di serie.

5. Vaillant: caldaia alimentata a metano

caldaia murale alimentata a metano

La caldaia a condensazione Vaillant è sicuramente uno dei modelli più conosciuti ed apprezzati. È disponibile in due versioni: una da 28 kW ed un'altra da 23 kW. Questa proposta qui, è il modello compatto che misura 72 x 33 x 44 cm e può essere installata facilmente in un piccolo spazio. Si tratta di un modello alimentato a metano, con doppia classe energetica A ed efficienza del 94%.

6. Vaillant: caldaia ECOTEC PURE VMW

caldaia a condensazione Vaillant

Un altro modello prodotto sempre da Vaillant è questa caldaia con un design rinnovato ecoTEC pure. Si tratta di una caldaia a condensazione da interno con misure standard: 72 cm di altezza, 44 cm di larghezza e 33 cm di profondità. È la soluzione ideale per la sostituzione di caldaie tradizionali anche di altre marche, grazie alle connessioni idrauliche verticali, le quali garantiscono molta flessibilità. Una serie di kit d’allacciamento permettono la rapida sostituzione dei modelli atmo-turboBLOCK. Il funzionamento è intuitivo grazie al display e ai comandi molto semplici. La caldaia dispone di una nuova pompa ad alta efficienza con elevate prestazioni, uno scambiatore in acciaio inox ed un vaso espansione di 8 litri.

7. Bosch: caldaia murale a condensazione

Caldaia murale a condensazione

Bosh propone questa caldaia a condensazione che può essere alimentata sia a metano che a GPL. Si tratta di un modello da 24 kW appartenente alla classe di efficienza A, sia per l'acqua calda che per i riscaldamenti. Punto di forza di questa caldaia sono i materiali con i quali è realizzata di ottima qualità: resistenti e durevoli. Incluso nel prezzo c'è anche il kit di scarico dei fumi.

8. Baxi: caldaia Duo-tec compact HT24

Baxi caldaia Duo-tec compact

Un'altra soluzione molto apprezzata dagli utenti, è la caldaia a condensazione Baxi. Questo modello è da 2 kW, alimentato a metano ed è un modello compatto, infatti misura solo 70 x 40 x 30 cm. Potremmo definirlo uno strumento intelligente perché grazie al sistema Gas Adaptive Control, è in grado di regolare automaticamente il rendimento in base alla lunghezza dei tubi e al tipo di metano. Così facendo la caldaia è destinata a durare anche di più perché ci sono meno sollecitazioni.

9. Baxi: caldaia a condensazione Avant Blue

caldaia a condensazione baxi

Baxi introduce anche una nuova caldaia a condensazione Avant Blue che ripropone le migliori caratteristiche della gamma di caldaie convenzionali quali le prestazioni sanitarie, l'affidabilità e la versatilità di installazione, abbinate ai vantaggi e alle prestazioni di una caldaia a condensazione. Questo modello è dotato di un post-scambiatore condensante in lega di alluminio che recupera il calore latente di condensazione, che nelle caldaie tradizionali viene invece disperso con i gas di scarico. Lo scambiatore-recuperatore, posizionato all’interno della caldaia in alto a destra, è direttamente collegato al ventilatore che spinge i fumi al suo interno, dove condensano a contatto con l’acqua di ritorno dell’impianto, prima di venire espulsi. Il ventilatore modulante, ottimizza l’efficienza e il rendimento della caldaia.

10. Beretta: caldaia condensazione Mynute Green

Beretta Caldaia Condensazione Mynute Green

Beretta Mynute Green è una caldaia a condensazione prodotta in Italia in doppia classe A di efficienza energetica. L'azienda italiana è presente con centri di assistenza in maniera capillare su tutto il territorio nazionale, questo assicura che ci sia sempre assistenza ai consumatori in tempi brevi. È possibile scegliere tra due modelli: uno da 20-25 kW ed uno da 25-30 kW ( il primo valore indica il riscaldamento mentre il secondo indica l'acqua).

11. Riello: caldaia a condensazione Start Condens 25

 CALDAIA RIELLO START CONDENS

Un altro modello italiano è questo di Riello Start Condens 25, caldaia a condensazione in doppia classe energetica A con circolatore integrato a basso consumo. L'alimentazione è a metano ed è disponibile in due versioni, da 25 kW o da 29 kW. Incluso nel prezzo troverete anche il kit fumi. Grazie alla funzione inverno, lo scambiatore resta sempre a temperatura in modo che anche in inverno non bisogna attendere tempi lunghissimi per avere acqua calda.

12. Ferroli: caldaia a condensazione Divacondens

caldaia murale

L'ultima proposta della classifica è la caldaia a condensazione Ferroli, che può essere alimentata a metano, a GPL o ad aria propanata. Può essere installata esternamente ma è sempre meglio posizionarla in un luogo parzialmente coperto. La caldaia è in classe A per quanto riguarda l'acqua calda sanitaria ed il circolatore, mentre per i riscaldamenti ha una classe di efficienza B. Dispone di 2 funzioni molto importanti: Eco, molto utile nei mesi dove la caldaia è usata di meno e antibloccaggio, che evita che il funzionamento si fermi in seguito a periodi di inattività.

Differenze tra caldaia a condensazione e caldaie tradizionali

Prima di vedere quali sono i parametri da analizzare per scegliere la migliore caldaia a condensazione, cerchiamo di capire come funziona e in cosa differisce da una caldaia tradizionale. Le caldaie tradizionali si dividono in due tipi: caldaia a camera stagna e caldaia a camera aperta. In entrambi i casi i fumi prodotti dalla combustione vengono espulsi all'esterno. La caldaia a camera aperta, però, preleva naturalmente l'ossigeno necessario per alimentare la fiamma, dall'esterno, infatti deve essere installata all'aperto. Per quanto riguarda la caldaia a camera stagna, invece, l'aria viene prelevata con un sistema di tubi e condotti, che viene definito "tiraggio forzato", questi tubi, poi, serviranno anche per eliminare i fumi derivati dalla combustione.

La caldaia a camera stagna e quella a condensazione hanno in comune che la combustione avviene in una parte della caldaia completamente chiusa, senza che ci sia contatto con l'aria esterna. In particolare, nella caldaia a condensazione l'acqua viene riscaldata tramite il calore che si genera dalla combustione ma, l'energia termica prodotto non si disperde nell'ambiente ma viene convogliata all'interno di uno scambiatore primario ed riutilizzata per scaldare altra acqua: è per questo che la caldaia a condensazione riesce a ridurre il consumo di gas.

Infine, specifichiamo anche che la caldaia e lo scaldabagno sono due strumenti differenti. Lo scaldabagno è utilizzato solo come fornitore di acqua calda sanitaria ma non produce acqua calda destinata ai radiatori e termoarredi: se in un condominio è presente un sistema di riscaldamento centralizzato, nell'appartamento è possibile fare a meno della caldaia ed installare solo lo scaldabagno. L'installazione di entrambi si rende necessaria solo nel caso di nuclei familiari molto numerosi, dove l'acqua calda necessaria è di quantità elevate.

Come scegliere la migliore caldaia a condensazione

Prima di acquistare la caldaia a condensazione bisogna valutarne bene tutte le caratteristiche e la convenienza. Si tratta di un investimento economico importante e, in quanto tale, va ponderato con attenzione. La scelta della caldaia deve rispettare determinati parametri che le permettano di essere compatibile con la nostra abitazione. Vediamo insieme nel dettaglio.

Combustibile

La prima cosa da valutare è il tipo di alimentazione di cui si vuole usufruire. I combustibili più comuni sono il metano, il GPL, il gasolio, la legna o il pellet. I più utilizzati sono sicuramente il GPL o il metano. Il metano è la soluzione più economica, richiede poca manutenzione ed è facilmente gestibile anche a distanza. Il GPL, invece, è più costoso e anche più inquinante. Di solito, si ricorre al GPL quando non è possibile usare il metano.

Potenza termica

La potenza termica della caldaia dipende da diversi fattori, uno di questi è la grandezza dell'appartamento che deve rifornire e riscaldare. In generale, per appartamenti da 60 mq fino a 90 mq, una potenza giusta per i riscaldamenti è di 24 kW mentre per l'acqua calda sanitaria e di 28 kW. Dai 100 mq fino ai 130 mq, invece, meglio optare per una caldaia da 30 kW. Per gli appartamenti più piccoli, sotto i 50 mq, sarà sufficiente una potenza di 20 kW. Una cosa da valutare è che molto spesso le caldaie hanno due potenze termiche differenti: una per l'acqua calda sanitaria ed una per i riscaldamenti.

Modulazione della potenza

La potenza modulante è la forbice di kW che la caldaia riesce a fornire. Più ampio è il range meno consuma la caldaia perché tenderà a spegnersi meno volte. Infatti, ogni volta che la caldaia deve mettersi in funzione consuma del gas che aumenta i costi in bolletta.

Portata di litri al minuto

La portata dei litri è direttamente collegata alla potenza: maggiore sarà la potenza maggiore sarà la portata. È preferibile scegliere una portata maggiore perché l'acqua viene utilizzata anche per i rubinetti e la doccia. Nei casi in cui c'è bisogno di una grande quantità di acqua, la soluzione potrebbe essere una caldaia con serbatoio di accumulo che mantiene l'acqua a temperatura. Ovviamente, si tratta di una soluzione che consuma di più sia in termici economici che energetici.

Classi energetiche

Da settembre 2015 la normativa emanata dall‘Unione Europea ha stabilito che tutti gli impianti per il riscaldamento e la generazione di acqua calda, devono avere un'etichetta che indichi a quale classe di efficienza energetica appartengono. Il rendimento di una caldaia è dato dal rapporto tra l'energia prodotta e l'energia consumata. In base all'efficienza energetica, sono assegnate delle stelle: ci sono 4 classi. Maggiore è il numero di stelle maggiore è il rendimento. Ad oggi, tutte le caldaie a condensazione hanno 4 stelle.

Manutenzione

Ogni quanto va fatta la manutenzione della caldaia a condensazione? Per mantenere la garanzia del prodotto bisogna seguire le direttive riportate sul libretto dell'impianto. Di norma, la manutenzione viene effettuata ogni anno. Per legge, invece, il controllo sull'efficienza energetica deve essere svolto ogni anno per gli impianti sopra i 100 kW mentre, per tutti gli altri, ogni due anni.

È importante che queste operazioni siano svolte da professionisti del settore in modo che il controllo sia valido per la legge.

Se la caldaia viene controllata e tenuta bene può avere anche una vita molto lunga, fino a 15 anni. In questo modo, si potranno ammortizzare i costi sostenuti inizialmente per l'acquisto e l'installazione.

Migliori marche

Quando si sceglie una marca bisogna fare attenzione alla serietà e all'affidabilità del brand. Inoltre, quando si acquista un elettrodomestico del genere, bisogna prendere in considerazione anche la garanzia offerta dall'azienda e l'assistenza post vendita in caso di malfunzionamento o eventuali difetti. Vaillant, Baxi, Beretta, Viessmann, Riello, Hermann ed Elco sono state valutate le migliori marche in commercio. Il nostro consiglio, prima di acquistare una caldaia è quello di informarsi sul prodotto, magari leggendo sui forum le recensioni degli utenti che hanno testato il prodotto.

Prezzi

La caldaia a condensazione è un elettrodomestico piuttosto costoso il cui prezzo parte dalle centinaia di euro e può arrivare fino ai 2000 euro. Dando un'occhiata su Amazon e possibile, però, trovare numerose offerte ed acquistare un prodotto approfittando di prezzi più vantaggiosi.

Le detrazioni fiscali per la caldaia a condensazione

Per incentivare l'installazione ex novo o la sostituzione di una vecchia caldaia con una a condensazione, lo Stato ha prorogato fino a dicembre 2021 le detrazioni previste per gli anni scorsi. Quindi, sia che si tratti di sostituzione mobili sia per l'Ecobonus 2021, sarà possibile usufruire di detrazione fiscali pari al 50%. Se, invece, si installano sistemi di termoregolazione evoluti, appartenenti alle classi classe V, classe VI o classe VIII, è possibile arrivare al 65%.

Ma cosa bisogna fare per avere queste detrazioni fiscali? L'unico modo è presentare la dichiarazione dei redditi tramite il modello 730 o Unico: le spese di sostituzione sono detraibili perché rientrano tra gli interventi effettuati per migliorare il risparmio energetico. Inoltre, per dimostrare l'effettivo acquisto della caldaia il pagamento dovrà avvenire tramite bonifico o carta di credito o debito.

Inoltre, è possibile accedere all'Ecobonus del 110% se gli interventi effettuati in casa portano un miglioramento di, almeno, due classi energetiche. Gli interventi devono sommarsi a quelli relativi alla caldaia e riguardano gli impianti di riscaldamento o isolamento delle unità abitative familiari e condominiali.

Come installare una caldaia a condensazione

La caldaia a condensazione deve essere installata da un tecnico specializzato per due motivi: il primo riguarda la sicurezza mentre il secondo le detrazioni fiscali. Infatti, solo una professionista può rilasciarvi la fattura da presentare per la richiesta delle detrazioni fiscali destinati a chi installa questo tipo di caldaia ex novo o per sostituire un modello a gas.

La caldaia a condensazione può essere installata ovunque, sia internamente alla casa che all'esterno, eccetto nel garage. Comunque, la regola generale è che bisogna rispettare tutti i vincoli di sicurezza.

Perché scegliere una caldaia a condensazione: vantaggi e svantaggi

Ora che abbiamo visto cos'è una caldaia a condensazione, quali sono le migliori e come scegliere quella adatta alla nostra abitazione, vediamo perché e se conviene sceglierla analizzando i pro e i contro. Partiamo subito dai vantaggi.

Vantaggi:

  • ecosostenibile: la caldaia a condensazione è in grado di ridurre il consumo di gas. Inoltre, produce minori quantità di fumi di scarico perché li riutilizza per scaldare l'acqua;
  • risparmio energetico ed economico: rispetto ad una caldaia tradizionale, se usata costantemente, permette di risparmiare fino al 30% sui consumi;
  • ampliamento del sistema di riscaldamento: la caldaia a condensazione può essere integrata e collegata con altri dispositivi per il riscaldamento come i pannelli fotovoltaici e le pompe di calore;

Svantaggi:

  • costi di installazione elevati: rispetto ad una caldaia tradizionale i costi per l'installazione sono maggiori perché bisognerà collegare la caldaia al sistema di scarico delle acque nere;
  • manutenzione: la legge prevede che siano effettuati periodicamente, ogni anno, dei controlli sull'apparecchio per valutarne l'efficienza e la sicurezza.
  • costi non ammortizzabili: se l'utilizzo che si fa della caldaia non è continuo non conviene installare una caldaia a condensazione perché non si riusciranno ad ammortizzare i costi.