Stacey Wilson è un'infermiera del Saline Memorial Hospital di Benton, in Arkansas, e la sua storia è assurda. Qualche giorno fa aveva deciso di fare per la prima volta una pedicure per migliorare l’aspetto dei suoi piedi ed eliminare gli antiestetici calli, ma non avrebbe mai immaginato che quella scelta si sarebbe rivelata la peggiore della sua vita. Dopo essere tornata dal salone di bellezza, i suoi piedi hanno cominciato ad arrossarsi, tanto che non riusciva quasi più a camminare, e le è comparso anche qualche decimo di febbre.

Dopo 3 giorni, la situazione era diventata così drammatica che è stata costretta a correre in ospedale in preda al dolore. Qui i medici hanno subito riconosciuto l'infezione batterica agli strati interni della gamba ed hanno deciso di tenere la donna ricoverata per 4 giorni. A causare quella reazione era stata proprio la pedicure a cui si era sottoposta. La pietra pomice era stata utilizzata in modo troppo aggressivo, le aveva lasciato infatti dei tagli su tutta la pianta dei piedi e, come se non bastasse, il tagliaunghie non era perfettamente disinfettato. I germi dei clienti precedenti l'hanno dunque contagiata, provocando quella grave infezione.

Stacey, naturalmente, non ne vuole più sapere di sottoporsi a simili trattamenti estetici e consiglia a tutti di non affidarsi a centri che offrono dei prezzi stracciati, lei lo ha fatto ed ha rischiato di avere gravi ripercussioni sulla sua salute. Anche una cosa tanto semplice come la pedicure può trasformarsi in un vero e proprio incubo ed è bene chiedere aiuto solo a dei professionisti quando si ha intenzione di farla.