Julian P. Boom e Fleur Pierets sono un'olandese di 40 anni e una belga di 43 e da molto tempo sono più innamorate che mai. Si sono conosciute 7 anni fa durante una festa ad Amsterdam, e tra loro è stato subito un colpo di fulmine, tanto che hanno dato vita a un duo artistico e sentimentale chiamato JF che si occupa di fotografia e videoarte. Di recente, avevano pensato di creare un progetto molto particolare intitolato "22", il numero dei paesi in cui il matrimonio gay era legale nel momento in cui hanno avuto l'idea, passato poi a 25 con il passare del tempo.

Le due si sarebbero dovute sposare 25 volte, una volta per ogni paese, così da coronare finalmente il loro sogno d'amore e da raccontare il mondo degli omosessuali e dell'uguaglianza di genere. "22 cerca di catturare la contemporaneità, come sta cambiando, evolvendo, e il nostro scopo è quello di trovare un modo di comunicare questo cambiamento, di documentarlo", ha spiegato Fleur. A partire da settembre 2017 si sono sposate 4 volte, negli Stati Uniti, in Olanda, in Belgio e in Francia, poi il loro sogno si è interrotto.

"Mentre scendeva le scale della sala comunale a Parigi, dopo il matrimonio, Julian ha avuto delle forti vertigini, e circa sei settimana fa è svenuta", ha raccontato la moglie della donna. Una volta arrivata in ospedale, la diagnosi è stata terribile: Julian aveva diversi tumori al cervello e al cuore che le avrebbero fatto perdere la memoria e la facoltà di parola, facendola andare lentamente in coma. I medici le hanno dato solo 3 mesi di vita ma Fleur non ha intenzione di perdere la forza che l'ha sempre contraddistinta e rimarrà al fianco dell'amore della sua vita fino alla fine. Oggi Julian è in un letto d'ospedale e continua a rimanere in vita solo grazie alle macchine ma poco prima di perdere completamente la memoria qualche settimana fa ha chiesto una cosa alla sua amata: scrivere un libro sulla loro incredibile storia.