Il frigorifero è l’elettrodomestico che utilizziamo di più ogni giorno ed è così sicuro che può essere utilizzato anche dai bambini. Ci basta spingere leggermente la porta per farlo chiudere da solo, ha infatti delle guarnizioni magnetiche che lo rendono ermetico e che permettono di mantenere i cibi freddi. Vi siete mai chiesti come è nato questo meccanismo?

La storia è molto particolare e bizzarra e racconta di come un problema apparentemente stravagante possa dare vita ad un’invenzione eccezionale. In passato, i frigoriferi venivano chiusi con dei semplici fermi meccanici dall’esterno, ma ben presto le mamme più ansiose hanno cominciato a porsi un problema: se il loro bambino si fosse nascosto nel frigorifero e se il fermo fosse stato chiuso, il piccolo sarebbe morto poiché non avrebbe potuto aprire la porta dall’interno e prima o poi l’aria a sua disposizione sarebbe terminata. Per anni, infatti, in tutto il mondo ogni genitore consigliava al proprio figlio di non giocare con il frigorifero, considerato una vera e propria trappola mortale. Le cose sono poi cambiate nel 1956, quando il New York Times ha diffuso dei dati inquietanti: nel corso di quel decennio ben 115 bambini erano morti in quel modo.

Il governo statunitense ha così subito preso un provvedimento ed ha approvato una legge per la sicurezza del frigorifero, la quale prevedeva che ogni elettrodomestico potesse essere aperto anche dall’interno con una leggera pressione. A partire dal 30 ottobre 1958 tutti i frigoriferi avrebbero dovuto avere la guarnizione magnetica ed infatti ancora oggi continuiamo ad usarla. Tuttavia, anche se all’apparenza il problema sembrerebbe risolto, nei mucchi di spazzatura per strada si ritrovano spesso molti vecchi frigoriferi con i fermi meccanici e non di rado i bambini cominciano a giocarci. L’ultima morte all’interno di un frigorifero risale infatti al 2003 e probabilmente se ne continuano a verificare anche in questo momento. Pensate ancora che il frigorifero sia un elettrodomestico sicuro ed innocente?