Elna Baker è scrittrice, pesava 120 chili e per dimagrire aveva deciso di sottoporsi ad una dieta ferrea. Una volta persi 49 chili si è però ritrovata con un eccesso di pelle su pancia, braccia e cosce ed è stato molto difficile per lei ritrovare la fiducia in se stessa. La ragazza ha infatti dichiarato:

Ho raggiunto il mondo delle persone di medie dimensioni, ma questo non significa che io abbia raggiunto un equilibrio. Seduta in quella vasca nella Spa, ho pensato a tutte le cose che ho fatto al mio corpo: l’ho odiato, nascosto, l’ho fatto morire di fame. L’ho tagliato. Gli ho fatto male. L’ho fatto guarire. Ho promesso a me stessa che ogni volta che avrei guardato quella cicatrice, mi sarei sentita grata per il mio corpo e poi ho dimenticato quella promessa.

Si è sottoposta anche ad un intervento chirurgico per trovare un rimedio a quella pelle flaccida, ma non è servito. Era lei, nella sua testa, che non riusciva ad accettare il suo “nuovo” corpo. Non è un caso se di recente il suo fidanzato l’abbia portata in una spa, nascondendo dietro la scusa della fuga romantica un obiettivo molto diverso. Il suo intento era far partecipare la ragazza a delle terapie di gruppo per aiutarla ad accettare il suo corpo con una serie di meditazioni fatte col cuore e lo spirito.

Il commento della ragazza?E’ tutto molto bello, ma io avrei preferito che mi facessero solo le unghie”. La storia di Elna ha dimostrato che è inutile perdere i chili di troppo ed adeguarsi ai modelli di bellezza comunemente accettati se si sta già bene con se stessi e il proprio corpo. I risultati potrebbero infatti essere opposti rispetto a quelli desiderati.