La desquamazione del cuoio capelluto è uno dei sintomi della dermatite seborroica che colpisce il cuoio capelluto. Chiazze rosse, croste, squame, la cosiddetta forfora secca, e prurito sono tutti sintomi della dermatite seborroica del cuoio capelluto, una problematica della pelle di cui possono soffrire adulti e bambini e che sorge in quelle zone del corpo particolarmente ricche di ghinadole sebacee. Per contrastarla è possibile ricorrere sia a rimedi naturali, sia a prodotti specifici. 

Cos'è la desquamazione del cuoio capelluto

La desquamazione del cuoio capelluto e il prurito sono due conseguenze della dermatite seborroica, una malattia della pelle che può manifestarsi in quelle zone che presentano molte ghiandole sebacee, compreso, appunto, il cuoio capelluto. La dermatite seborroica che colpisce questa parte del corpo prende il nome di dermatite seborroica del cuoio capelluto. Si manifesta attraverso la formazione di chiazze arrossate, squame, che si depositano sui capelli come forfora seccae croste dall'aspetto untuoso con conseguente prurito. Tra le cause più diffuse segnaliamo la perdita della capacità del cuoio capelluto di fungere da "protezione" contro agenti esterni, come quelli chimici, contenuti nei prodotti per capelli di scarsa qualità o troppo aggressivi, che vanno a danneggiarlo. Ma non solo. Nel paragrafo seguente elencheremo le cause e i sintomi più comuni di questa patologia.

Specifichiamo che la dermatite seborroica del cuoio capelluto può colpire anche i bambini: stiamo parlando della cosiddetta crosta lattea, una desquamazione del cuoio capelluto che può manifestarsi già a partire dai primi mesi di vita fino ai primi anni di età.

Cause e sintomi della dermatite seborroica del cuoio capelluto

Scopriamo adesso quali sono le cause e i sintomi più comuni della dermatite seborroica del cuoio capelluto e della conseguente formazione di prurito, arrossamenti, bruciori, infiammazioni, croste e squame, la cosiddetta forfora secca.

Cause

Una delle cause più comuni della dermatite seborroica del cuoio capelluto è la perdita della capacità di fungere da protezione che favorisce la penetrazione di agenti chimici aggressivi e l'incapacità di "difendersi" dal caldo e dal freddo. Ma sono anche altre le cause di questa patologia, che può trarre origine da fattori interni e da fattori esterni. Vediamo brevemente quali sono.

  • Fattori interni: per quanto riguarda i fattori interni che causano la dermatite seborroica del cuoio capelluto segnaliamo l'utilizzo di prodotti aggressivi o di scarsa qualità. Anche lavaggi troppo frequenti possono indebolirlo, facendogli appunto perdere quella capacità di protezione di cui abbiamo parlato. Trattamenti di colorazione, decolorazione e permanente, inoltre, possono causare la dermatite seborroica del cuoio capelluto, così come l'errato utilizzo di spazzole che possono danneggiarlo. Un altro fattore esterno da menzionare è sicuramente anche l'inquinamento che rende la cute sensibile e maggiormente esposta a questo problema.
  • Fattori esterni: i fattori esterni da menzionare, invece, sono sicuramente lo stress che genera i radicali liberi, responsabili di modifiche della struttura del cuoio capelluto, alimentazione scorretta, allergie ed intolleranze alimentari e metabolismo irregolare. Spesso, inoltre, la dermatite seborroica del cuoio capelluto è causata anche dal naturale invecchiamento della pelle che produce meno sebo o da altri squilibri che modificano la secrezione sebacea. Infine, anche i cambiamenti ormonali possono essere l'origine di questo problema cutaneo.

Sintomi

La dermatite seborroica del cuoio capelluto si manifesta attraverso la formazione di macchie rosse dai contorni irregolari, coperte da squame non spesse e untuose. Queste squame si depositano sui capelli come forfora secca e sono facili da rimuovere anche manualmente. Oltre alle squame possono formarsi delle croste, mentre i capelli appaiono opachi, spenti, secchi e unti.  Altri sintomi della dermatite seborroica del cuoio capelluto sono arrossamento, prurito ed irritazioni.

I rimedi naturali per i problemi del cuoio capelluto

Come curare la dermatite seborroica del cuoio capelluto? Rispondiamo a questa domanda segnalando i rimedi naturali più efficaci, i cosiddetti rimedi della nonna, che possono dare un aiuto concreto senza esercitare un'azione troppo invasiva.

  • Tea tree oil: l'olio di tea tree, conosciuto anche come olio essenziale di Malaleuca, ha proprietà antibatteriche, antimicotiche, cicatrizzanti e antiodoranti. Inoltre, combatte efficacemente il Malassezia, un lievito che è tra le cause della dermatite seborroica. Risulta molto utile per evitare irritazioni alle pelli sensibili e per contrastare acne, brufoli e, appunto, la dermatite seborroica. Per curarla occorre semplicemente diluire mezzo cucchiaio di olio di tea tree in 100 ml di gel di aloe vera. Una volta preparata questa lozione, applicarla sul cuoio capelluto e lasciarla agire per mezz'ora. Per combattere la forfora, invece, basta aggiungere dieci gocce di olio di tea tree ad un comune shampoo neutro.
  • Aloe vera: l'aloe vera è una pianta le cui innumerevoli proprietà benefiche sono ormai note a tutti e che ha diversi utilizzi. In particolare, il gel di aloe vera ha ottime proprietà antibatteriche, idratanti, emollienti e protettive. Oltre ad essere impiegato per curare scottature e punture di insetti, il gel di aloe vera si rivela molto utile per contrastare la dermatite seborroica e per curare l'acne. Per alleviare il prurito dovuto alla forfora occorre applicare il gel di aloe vera sul cuoi capelluto, massaggiare e lasciare agire per qualche minuto prima dello shampoo.
  • Argilla: anche l'argilla ha diverse proprietà benefiche, tra le quali segnaliamo quelle depurative e purificanti. Per la cura dei capelli risulta molto efficace l'argilla verde, perfetta anche per curare le pelli grasse e impure. Riesce, infatti, a combattere non solo il prurito, ma anche la forfora. Il suggerimento è quello di creare un composto utilizzando semplicemente l'argilla verde e l'acqua, applicarlo sui capelli e lasciarlo agire per circa trenta minuti prima dello shampoo. Specifichiamo che chi ha i capelli grassi deve utilizzare l'argilla verde, mentre chi ha i capelli secchi quella bianca.
  • Aceto di mele: l'aceto di mele è un vero e proprio rimedio della nonna, forse tra i più efficaci per combattere la forfora ed avere una chioma sana. Oltre ad essere ricco di vitamine, infatti, ha proprietà cicatrizzanti, antinfiammatorie e rinforzanti. Per contrastare la forfora e il prurito al cuoio capelluto occorre semplicemente realizzare una lozione con 2 cucchiai di aceto di mele e 250 ml di acqua, applicarla sui capelli dopo lo shampoo, lasciarlo in posa per 3 minuti e risciacquare con acqua fredda.
  • Barbabietola rossa: si tratta di una radice capace di depurare l'organismo, ricca di proprietà benefiche e di antiossidanti. La barbabietola rossa è un altro rimedio naturale che viene molto utilizzato per combattere il fastidioso problema della forfora. Come? Semplicemente creando un mix di barbabietola rossa ed aceto ed applicarlo sul cuoio capelluto trenta minuti prima dello shampoo. Per farlo occorre bollire le radici, lasciarle raffreddare e preparare il composto.
  • Olio di oliva: l'olio di oliva non viene utilizzato esclusivamente come condimento perché è famoso anche per le sue proprietà nutritive, idratanti, lenitive ed antiossidanti. Per queste sue caratteristiche viene molto impegnato in campo cosmetico, non solo per la cura della pelle, ma anche per quella dei capelli. Anche in questo caso preparare un impacco fatto in casa utile per combattere la forfora è davvero semplice: occorrono due cucchiai di olio di oliva, due cucchiai di succo di limone e due cucchiai di acqua. Mentre l'olio nutre i capelli, il limone contrasta la formazione della forfora e delle squame untuose. Dopo aver preparato l'impacco, applicarlo sui capelli umidi prima dello shampoo e lasciarlo in posa per mezz'ora.
  • Caffè: il caffè può essere utilizzato in diversi modi per prendersi cura della bellezza del corpo e dei capelli. Infatti, si rivela molto efficace per combattere la forfora: dopo lo shampoo, massaggiare il caffè, partendo dalle radici fino ad arrivare alle punte, e avvolgere i capelli all'interno di una pellicola trasparente da cucina. Lasciare in posa per circa quindici minuti e risciacquare.

Altri rimedi per il cuoio capelluto irritato con desquamazione

Oltre ai rimedi della nonna completamente naturali che abbiamo appena elencato, è possibile utilizzare dei prodotti specifici per combattere la desquamazione del cuoio capelluto, la forfora e il prurito. Vediamo quali sono i più efficaci.

Shampoo antiforfora

Gli shampoo antiforfora rappresentano una soluzione efficace ed immediata per tutti coloro che soffrono di problemi di forfora. Prima di acquistare un prodotto di questo tipo occorre capire preliminarmente di che tipo di forfora si soffre. Quella tipica della dermatite seborroica del cuoio capelluto è la forfora secca, conseguenza di un'epidermide poco idratata, che assume le sembianze di squame sottili e bianche. Alcuni shampoo antiforfora sono anche anti-prurito, ottimi per contrastare questi due fastidiosi sintomi della dermatite seborroica del cuoio capelluto. Il suggerimento è quello di acquistare prodotti non aggressivi, meglio se naturali e biologici. In caso di acquisto errato, la dermatite seborroica potrebbe addirittura peggiorare.

Shampoo per capelli grassi

Anche gli shampoo per capelli grassi possono rivelarsi dei validi alleati nella lotta contro la dermatite seborroica del cuoio capelluto e la forfora. Si tratta di prodotti che servono a regolare la produzione di sebo grazie alla loro azione purificante e riequilibrante e che non sono aggressivi sul cuoio capelluto.

Balsamo per capelli

Un prodotto fondamentale per l'haircare rountine è il balsamo per capelli, per il quale vale lo stesso discorso fatto per lo shampoo antiforfora. Occorre scegliere un prodotto specifico, non aggressivo e, ovviamente, di elevata qualità. In commercio sono disponibili diverse tipologie di balsamo, ma quello più indicato per contrastare i sintomi della dermatite seborroica è uno sicuramente antiforfora, con diverse proprietà nutritive che vanno a curare un cuoio capelluto danneggiato. Inoltre, deve essere privo di sostanze che vadano a danneggiarlo ulteriormente, come parabeni, fosfati e coloranti. Sempre meglio orientare la propria scelta verso un prodotto naturale e biologico.

Oli naturali per capelli

Gli oli naturali per capelli sono un vero toccasana per chi soffre di questa problematica. Il loro primo punto a favore è che sono, appunti, naturali e che, di conseguenza, non vanno ad aggredire un cuoio capelluto già irritato, arrossato e soggetto a desquamazione. Vengono venduti sotto forma di maschere, lozioni e impacchi e aiutano molto a prevenire la formazione della forfora e della dermatite. Possono essere applicati come gocce, aggiunti al balsamo oppure utilizzati come impacchi. I più comuni ed utilizzati per risolvere il problema della forfora sono l'olio di neem e l'olio di semi di lino.

Consigli per curare la desquamazione del cuoio capelluto

I rimedi naturali e i prodotti per combattere la desquamazione del cuoio capelluto e del prurito sono indispensabili per contrastare gli effetti della dermatite seborroica del cuoio capelluto. Per ridurne le conseguenze e per cercare di rendere le manifestazioni del problema meno frequenti, è opportuno seguire una serie di piccoli consigli che riguardano l'alimentazione, lo sport, l'esposizione ai raggi solari e la frequenza del lavaggio dei capelli.

  • Alimentazione: chi soffre in generale di dermatite seborroica, non soltanto circoscritta al cuoio capelluto, dovrebbe evitare alcuni alimenti e seguire un'alimentazione sana. In generale, è preferibile evitare  latticini, prodotti lievitati e tutti quegli alimenti che contengono grassi saturi e zuccheri.
  • Sport: come precedentemente detto, una delle cause della dermatite seborroica è lo stress che genera i radicali liberi, responsabili delle modifiche della struttura del cuoio capelluto. Per questo motivo, un suggerimento, soprattutto nei periodi di forte stress, è quello di praticare sport rilassanti, come lo yoga, o sport in generale, che aiuta a scaricare la tensione, il nervosismo, e, appunto, lo stress accumulato.
  • Esposizione ai raggi solari: pare che esporsi gradualmente (e non troppo a lungo!) ai raggi solari sia un toccasana per contrastare la dermatite seborroica del cuoio capelluto. Il sole, infatti, riduce la formazione si sebo e, di conseguenza, della forfora.
  • Frequenza del lavaggio dei capelli: il suggerimento è quello di non lavare troppo spesso i capelli, soprattutto se non si ha la certezza di utilizzare un prodotto non aggressivo e potenzialmente dannoso. Al contrario, nel caso in cui si inizia un trattamento che prevede l'impiego di prodotti specifici, è meglio procedere con una detersione frequente.