15:51

Thelma e Louise 20 anni dopo: quando l’amicizia resiste alle rughe

La pellicola Thelma e Louise del 1991 è stata premiata come film sulla rivendicazione dei diritti femminili. Galeotto anche per l'amicizia: Susan Sarandon e Geena Davis da allora sono diventate amiche inseparabili.

Thelma e Louise 20 anni dopo: quando l'amicizia resiste alle rughe.

Dall’uscita del film che ha suggellato un’epoca, Thelma e Louise è diventato un cult del cinema e sono passati ben 20 anni da allora. La pellicola ha segnato la storia dei disagi delle donne, infatti è stato premiato come un film che rivendica i diritti femminili.

L’anniversario è stato festeggiato in grande stile a Toronto e ovviamente non potevano mancare le protagoniste del film diretto e prodotto dal grande Ridley Scott: Susan Sarandon e Geena Davis (trovate le foto qui).

Le due attrici dopo quell’esperienza lavorativa sono diventate amiche inseparabili. Infatti molto spesso in occasione di eventi o sfilate non mancano di presenziare insieme. Questo affiatamento non fa che riconfermare che quando l’amicizia tra due donne è sincera può durare anche più di un matrimonio.

La potenza mediatica che ha avuto il film è riscontrabile tutt’oggi. Thelma e Louise sono diventate un must, tra le adolescenti ricorre molto spesso il nominarle, soprattutto quando si vuole sottolineare un’amicizia molto profonda e una complicità altrettanto marcata.

La pellicola firmata Ridley Scott è stata anche occasione del debutto sul grande schermo di un giovanissimo Brad Pitt, divenuto sex symbol maschile dopo la parte interpretata. La scena di sesso appassionato con Geena Davis nel motel del film è rimasta impressa nell’immaginario femminile delle donne di tutto il mondo (e senza false esagerazioni!).

Durante la premiazione la Sarandon e la Davis hanno commentato e rievocato i momenti girati per la realizzazione di Thelma e Louise. Non poteva mancare il ricordo della scena più bella ed emozionante, ovvero quella del finale quando le due amiche decidono di dare una svolta definitiva alla loro vita. Inseguite dalla polizia e dai problemi familiari da cui erano fuggite, decidono di gettarsi nel Grand Canyon con la macchina in corsa.

Ci meritavamo quella scena e il sentimento che la caratterizzava.

Susan Sarandon

Questa scena è stata girata l’ultimo giorno e la Sarandon racconta: “A quel punto avevamo provato molte esperienze, passato moltissime ore in macchina e fatto tutto quanto. Ci meritavamo quella scena e il sentimento che la caratterizzava. L’avessimo girata il primo giorno sarebbe stato tutto molto più forzato”.

La Davis invece si è rammaricata del poco riscontro che il film ha avuto in ambito cinematografico, perchè non ha ispirato altri registi a muoversi sugli stessi contenuti sociali e femminili: “E’ stato una specie di fenomeno ma non ha fatto da catalizzatore per molti altri film incentrati sulle donne come avrebbe potuto fare”.

Tutto questo è vero, purtroppo per quanto riguarda la storia del cinema e non solo. Pur essendo passati tanti anni ci sono ancora oggi problemi riguardanti l’universo femminile che devono essere risolti in modo definitivo: un esempio è rappresentato dalle violenze domestiche o dallo stalking. Quest’ultima forma di persecuzione fino a qualche anno fa non era ritenuta neanche un reato per la legge. Le cose stanno cambiando seppur lentamente.

Ci auguriamo che l’appello dell’attrice possa essere colto per la realizzazione di prossimi film che trattino in modo più approfondito di queste delicate questioni.

Approfondimenti: violenza sulle donne

commenta
Susan Sarandon e Geena Davis amiche inseparabili
STORIE INTERESSANTI
STORIE DEL GIORNO
FANPAGE D'AUTORE
ALTRE STORIE