In Francia il governo vuole vietare 59 coloranti utilizzati negli inchiostri per tatuaggi, tutto ciò a causa di alcune sostanze che possono provocare allergie, infezioni e addirittura il cancro. La nuova direttiva dovrebbe diventare obbligatoria dal 1 gennaio del 2014, da questa data solo il nero, il bianco, il grigio, il verde ed il blu, saranno consentiti per disegnare il corpo. La legge è stata scritta dopo una segnalazione dell'Agenzia nazionale della sicurezza sui farmaci, risalente al marzo 2013, e, se dovesse diventare operativa, renderebbe la Francia l'unico paese dell'Unione Europea in cui vige il divieto per i tatuaggi colorati.

Gli operatori del settore e gli artisti del tatoo sono ovviamente insorti contro la legge, giudicandola assurda e del tutto sbagliata: "Io credo che questa proibizione costringerà molti tatuatori ad operare in clandestinità – afferma Tin-Tin, presidente del Sindacato francese degli artisti tatuatori –  e quindi in condizioni igienico-sanitarie inadeguate con prodotti di basso livello. Con noi si applica tutto a un tratto il principio di precauzione mentre si continua a vendere tabacco cancerogeno!".