16:47

Sci Freestyle (anche d’estate): ecco come imparare lo stile… con stile!

Dopo una settimana a Les Deux Alpes in Francia tra i ghiacciai, sveliamo i segreti dello sci freestyle e del suo stile in compagnia dei ragazzi di Freeskicamp.

Sci Freestyle (anche d'estate): ecco come imparare lo stile... con stile!

Il freestyle è una nuova disciplina che si sviluppa negli snowpark e non si esprime soltanto durante la sciata ma anche nel modo di vestirsi… Sarà anche per questo che lo sci freestyle femminile sta prendendo sempre più piede nella scena italiana? Tutti possono approcciarsi senza timore e se volete provare lo sport d’estate potreste partire con i ragazzi di Freeskicamp per un corso della durata di una settimana dove vengono insegnate le basi per affrontare tutte le strutture dello snowpark all’altezza e soprattutto in sicurezza. Abbiamo passato una settimana con loro per scoprire tutti i segreti di questo sport!

La settimana: La sveglia è alle 8.30 per prendere l’ovovia “Jandri Express” che porta verso i 3200 metri. Inizia così un’intensa mattinata, si impara ad andare in Switch (sciare con le code verso valle), i vari Trick (le acrobazie) e affrontare le i Box i rail cioè le strutture fisse del park,  l’half-pipe e i Kicker (i vari salti).

L’essenziale: è necessario uno zaino capiente per tenere la giacca, la protezione solare, i guanti e tutto il necessario in caso di freddo improvviso. Attrezzatura obbligatoria sci twin-tip, a doppia punta, e scarponi con un flex  (indice di durezza) tra i 90 e i 120. Noi abbiamo usato i modelli di Nordica, e bastoncini Fatcan singolari per le loro grafiche. Il casco per girare in park è necessario, l’importante è che garantisca la protezione della testa in caso di caduta, Smith ha proposto nella sua collezione una bella linea pulita e femminile.

Gli stili: come i coaches anche noi ragazze abbiamo stili diversi: c’è chi veste “slim”, chi invece preferisce essere più comoda e vestire più largo ed essere un po’ più “bagghy”, vale a dire pantalone largo e felpa una taglia di più, come quella di Quicksilver. I colori? Non c’è una regola la montagna da libertà di espressione e creatività: alle ragazze piacciono molto i monocolori purché siano o fluo o tonalità accese ad esempio giallo, fucsia, blu e verde. Altra cosa importante si devono proteggere gli occhi con la maschera, poiché i raggi ultravioletti sono abbastanza forti, infatti, l’altitudine arriva fino a 3500 m, le preferite dai coach e dalle ragazze sono quelle di Spy+, con la lente specchiata. Altro dettaglio i guanti, vanno bene quelli da “Pipe” di Invicta sono pratici e leggeri rispetto al tradizionale modello invernale .

Al Pomeriggio: Les deux Alpes è il paradiso dello sport, quindi nella valigia vanno messi vestiti comodi. Le ragazze indossavano spesso shorts di jeans, vans o converse, t-shirt e canotte, va molto anche il cappellino e magari essere dotate di longboard. Le varie attività che si possono fare spaziano dal tiro con l’arco, ai bob a secco, al golf, piscina tutte queste sono comprese nel prezzo dello skipass. Poi ci sono i trampolini elastici, si può giocare paintball, fare hydrospeed, adventure park e, soprattutto, molti praticano il Downhill dal ghiacciaio verso valle.

Per saperne di più sullo sci freestyle: Massimo Braconi e Dmitrii Sartor in collaborazione con i tre ragazzi di Freeskicamp hanno scritto un libro edito da Hoepli “Freeski: la nuova scuola del freestyle”. Da leggere!

commenta
STORIE INTERESSANTI
STORIE DEL GIORNO
FANPAGE D'AUTORE
ALTRE STORIE