11:39

Parla meno se sei donna e vuoi fare carriera

Prepotenti, arroganti, quasi fastidiose come un ronzio. Sono percepite così le donne sul posto di lavoro quando parlano troppo; il consiglio dell'Università di Yale è chiaro, parlare meno aiuta a fare carriera.

Parla meno se sei donna e vuoi fare carriera.

Le donne che desiderano fare carriera avranno un nuovo asso nella manica per raggiungere il proprio obiettivo: il silenzio. E’ proprio questa dote, per molte naturale, per altre così difficile da controllare, a rendere all’occhio esterno più professionale e competente una donna sul posto di lavoro. E’ quanto affermano i ricercatori dell’Università di Yale, che sono arrivati alla conclusione che è meglio tenere la lingua a freno, specialmente di fronte ai colleghi uomini. Dopo anni e anni di lotte femministe, volte all’affermazioni di diritti come la parità e la lotta contro la discriminazione tra uomo e donna sul lavoro, la prestigiosa Università manda tutto in frantumi.

Secondo una ricerca condotta su un campione di 156 persone, la donna troppo loquace è vista come presuntuosa e prepotente, e allo stesso tempo la sua professionalità ne risulta compromessa. Non è tutto; facendo leggere un articolo che descriveva la figura di un manager donna e uomo, è risultato molto più affidabile un uomo loquace che un uomo più tranquillo. In conclusione sembrerebbe proprio che la donna che vuol far carriera deve tacere, mentre all’uomo conviene essere più chiacchierone possibile. A spiegare meglio i risultati della ricerca ci pensa il capo ricercatore Victoria Brescoll:

Quando gli uomini parlano molto e hanno il potere, la gente vuole premiarli, dando loro più potere e responsabilità sul lavoro. Ma quando le donne lo fanno, sono viste come troppo autoritarie e presuntuose. Le donne lo percepiscono, ed è per questo che si moderano nel parlare.

Lo studio dei ricercatori di Yale è stato commentato anche dall’esperta di relazioni Jean Hannah Edelstein che non si sorprende che “ci siano ancora associazioni negative tra le donne che sono schiette e quelle fastidiose.”

Il problema nasce da un assunto sessista secondo il quale le donne che sono loquaci sono in qualche modo anche prepotenti in modo negativo. Forse perché la gente si aspetta che le donne facciano solo da sfondo, che è di sicuro un modo garantito per non progredire nella carriera. Più che il fatto che le donne parlino o meno sul posto di lavoro, sembra essere una mancanza di rispetto per le donne in posizione di leadership. Il mio consiglio per ogni donna che si sente giudicata per aver parlato troppo è di continuare a fare altrettanto, è l’unico modo per fare in modo che le cose cambino.

 A quando pare lo studio convince poco l’esperta, che prova a sdoganarlo riportando in carreggiata le donne che vogliono continuare a farsi sentire, senza preoccuparsi molto di essere considerate fastidiose. Tornare a fare scena muta in riunione, assecondando e annuendo solo le decisioni dei colleghi maschi sembra essere tutt’altro che produttivo, oltre che tornare a vecchie abitudini che sembravano ormai superate.

commenta
STORIE INTERESSANTI
STORIE DEL GIORNO
FANPAGE D'AUTORE
ALTRE STORIE