Kirsty Hogarth è una donna di 30 anni e di recente è diventata mamma. A causa di alcune complicazioni, è entrata in travaglio quando era solo alla 26esima di gravidanza. Durante la notte si era svegliata tra dolori lancinanti e ha cominciato a perdere sangue. Vedendo che la situazione non migliorava, ha cominciato a preoccuparsi. La cosa stava mettendo a rischio la salute del piccolo che portava in grembo, anche perché non si sarebbe mai aspettata che presto avrebbe affrontato un parto prematuro.

Presa dal panico, ha chiamato subito un'ambulanza e ha messo al mondo la piccola Nel prima ancora di arrivare in ospedale. La neonata pesava meno di due chili, era debolissima e non completamente sviluppata ma ha dato prova di essere una piccola guerriera fin dal primo momento. Per fortuna, tutto si è risolto per il meglio, la neonata è riuscita a superare le prime ore critiche e a sopravvivere grazie all'intervento dei paramedici, che l'hanno soccorsa aiutandola a respirare subito dopo il parto.

"Se non fosse stato per il personale paramedico, dubito che sarebbe sopravvissuto. Riuscito a tenerlo nel  palmo della mia mano dopo il parto", ha spiegato Kirsty, ancora shoccata dall'accaduto. La speranza è che presto i medici la autorizzeranno a portare la piccola Nel a casa, così che possa essere circondata dall'affetto dei familiari. Kirsty, intanto, non può fare a meno di ringraziale il personale medico che le ha permesso di tenere la figlia tra le braccia: tutti si sono dimostrati dei veri e propri angeli custodi.