Meryl Streep è una delle attrici che parteciperanno all'89esima edizione degli Oscar di domenica prossima e, a giudicare dai look che ha sfoggiato negli anni scorsi, di sicuro indosserà qualcosa di sensazionale anche questa volta, ma non si tratterà di uno Chanel. Di recente, l'attrice è stata protagonista di una storia fortemente criticata.

Fino a qualche giorno fa, era in trattativa con Karl Lagerfeld, era proprio suo il vestito in seta grigia scelto per la notte degli Academy Awards. Era caratterizzato da alcune decorazioni preziose e faceva parte della collezione Haute Couture. Dopo averlo ordinato e fatto modificare con una scollatura meno vertiginosa, ha però chiamato per disdire. Il motivo? Avrebbe voluto essere pagata per indossarlo sul red carpet. Lagerfeld ha raccontato dettagliatamente ciò che è accaduto, affermando che un portavoce della Streep lo avrebbe chiamato per dirgli semplicemente: "Non continuare il vestito. Abbiamo trovato qualcuno che ci pagherà".

Chanel, però, applica una precisa politica in fatto di sponsorizzazioni: le celebrità possono tenere gli abiti fatti su misura, solitamente dal valore elevatissimo, ma non vengono pagate per indossarli. Per quanto riguarda il capo disegnato per Meryl, porta ancora il suo nome e probabilmente le verrà comunque consegnato visto che è perfetto per il suo corpo ma la vicenda ha deluso moltissimo lo stilista. Nelle ultime ore, però, l'attrice avrebbe detto la sua, dichiarando che sarebbe contro la sua etica farsi pagare per indossare un vestito sul tappeto rosso. Insomma, probabilmente la verità non verrà mai a galla.