18:58

Menu Cotto e Mangiato: ricette a base di pesce per Vigilia di Natale

Menu Cotto e Mangiato: ricette a base di pesce per Vigilia di Natale.

E’ tradizione che la sera della Vigilia di Natale si gustino a tavola solo pietanze a base di pesce. Non è sempre facile inventarsi ricette gustose che rendano contenti tutti i nostri ospiti e, così, per facilitarvi le cose in cucina, ecco i consigli di Cotto e Mangiato presentati dalla simpaticissima Benedetta Parodi. Vi spieghiamo, nel dettaglio, il menù per la Vigilia di Natale: come antipasto prepariamo un buon carpaccio di tonno agrumato; le bavette ai frutti di mare e le sarde a beccafico sono invece il nostro primo e secondo piatto; infine un morbido pan di spagna ai frutti di bosco!

CONTINUA A SCORRERE L’ARTICOLO: SOTTO C’E’ IL VIDEO CON LA RICETTA E GLI INGREDIENTI PER PREPARARLA!!!

Antipasto: il carpaccio di tonno

il carpaccio di cotto e mangiato antipasto per la vigilia

Spremiamo mezza arancia  (o anche una intera, valutiamo la grandezza), aggiungiamo al succo 200 gr di pomodorini, che insaporiremo con un cucchiaio di salsa Worcester, alcune gocce di tabasco, sale, pepe ed un cucchiaio d’olio: frulliamo il tutto. Stendiamo un paio di cucchiai della miscela ottenuta su un piatto piano, dove sistemeremo anche le nostre fettine di carpaccio (per la quantità di  salsina preparata sarà sufficiente acquistarne circa 300 gr). Alla fine il piatto può essere decorato con alcune fettine di arancia rossa, che ne decoreranno i bordi. Come ultimo tocco, un altro abbondante cucchiaio di salsina sul nostro carpaccio, qualche foglia di basilico e il nostro fresco antipasto è già pronto!

Ingredienti:

  • un’arancia intera o anche mezza (valutate la grandezza)
  • 200 gr. di pomodorini
  • salsa Worcester
  • tabasco
  • sale, pepe, olio
  • 300 gr di carpaccio

Primo piatto: bavette ai frutti di mare

bavette alla marinara cotto e mangiato primo piatto per la vigilia

Ecco un primo piatto dal sapore molto intenso: lasciamo sciogliere in una pentola il sugo già pronto ai frutti di mare, quindi lo acquisteremo surgelato nel nostro supermercato di fiducia. Portiamo a bollore e, quando sarà giunto il momento, caliamo 200 gr di bavette crude, non temete perché Benedetta garantisce il risultato. In un altra pentola portiamo ad ebollizione una certa quantità d’acqua, che insaporiremo con un cucchiaino di brodo granulare di pesce. Allunghiamola nell’altra pentola, dove si stanno cuocendo le bavette, che tratteremo quindi come se fosse un risotto. Il vantaggio di questa cottura è permettere alla pasta di assorbire completamente il sugo, per avere un sapore più intenso. A questo punto, aggiungiamo 4 gamberoni, anch’essi surgelati. Quando il sugo si è ristretto leggermente e la pasta è cotta, allora possiamo preparare le nostre porzioni.

Per chi ha il tempo, la pazienza e la voglia di preparare un sugo alla marinara con pesce fresco, può sempre farlo, anche se quello congelato ha comunque un grande sapore. Inoltre, se fate cuocere la pasta secondo il classico sistema, ossia in acqua bollente, piuttosto che in padella come mostrato dalla Parodi, si consiglia comunque di scolarla al dente e di saltarla col nostro sugo ai frutti di mare.

Ingredienti:

  • 200 gr. di bavette
  • sugo già pronto ai frutti di mare
  • brodo granulare di pesce
  • 4 gamberoni surgelati

Secondo piatto: sarde a beccafico

sarde a beccafico cotto e mangiato secondo piatto per la vigilia

Iniziamo con la farcitura: tre cucchiai di pan grattato, una manciata di uvette e un’altra di pinoli. Invece del solito soffritto, Benedetta prepara un’originale variante: facciamo sciogliere un cucchiaio di pasta d’acciughe in un po’ d’acqua tiepida, questa sarà la nostra miscela, che verseremo poi sul pan grattato. Aggiungiamo un goccino d’olio, un pizzico di sale, un po’ di prezzemolo tritato. A questo punto, andiamo a tostare sopra ai fornelli. Una volta che la nostra farcia sarà ben abbrustolita, possiamo continuare con la preparazione. Tolta dal fuoco, aggiungiamo ancora uno o due cucchiaini di parmigiano. Intanto prepariamo la pirofila con un po’ d’olio e adagiamovi le sarde, che verranno prima ricoperte con la farcitura e poi richiuse a mo’ di involtino. Tra una sarda e l’altra, per insaporire questo originale secondo piatto, possiamo mettere una fogliolina d’alloro; la farcia che è avanzata, invece, va sparsa sulle nostre sarde arrotolate. Ancora un pochino d’olio e un pizzico di sale. E via nel forno per meno di 15 minuti a 180°.

Il consiglio è di servire le sarde tiepide, ma non troppo fredde sennò si induriscono.

Ingredienti:

  • sarde (considerate il numero degli ospiti, compratene 2 a testa)
  • pan grattato
  • uvetta
  • pinoli
  • pasta d’acciughe
  • parmigliano
  • olio e sale
  • foglie d’alloro

Dolce: pandispagna ai lamponi

pan di spagna cotto e mangiato dolce per la vigilia

Per dosare gli ingredienti di questa morbidissima torta, vanno pesate innanzitutto le uova, badate che per la nostra ricetta ne occorrono quattro: al peso delle uova deve corrispondere quello di zucchero, di farina e di burro. Se dunque quattro uova pesano ad esempio 280 gr, l’impasto sarà formato da 280 gr di zucchero, 280 gr di farina con 1 bustina di lievito, 280 gr di burro. Amalgamiamo le quattro uova con lo zucchero, poi col burro fuso e, infine, aggiungiamo la farina, che dobbiamo incorporare poco per volta. Prepariamo ora una teglia rettangolare foderata con carta da forno: versiamo l’impasto al suo interno e a pioggia spargiamo sopra un intero cestino di lamponi e una manciata di mirtilli: man mano che l’impasto crescerà col calore della cottura, la frutta affonderà nell’impasto. Inforniamo per 30 minuti circa a 180°. L’ultimo tocco: una bella spolverata di zucchero a velo.

Il consiglio è quello di farcire il pan di spagna con la frutta di stagione o anche con della marmellata.

Ingredienti: (per le quantità leggi la procedura qui sopra)

  • uova
  • zucchero
  • farina
  • 1 bustina di lievito
  • burro
  • lamponi
  • mirtilli



Approfondimenti: cotto e mangiato

commenta
STORIE INTERESSANTI
STORIE DEL GIORNO
FANPAGE D'AUTORE
ALTRE STORIE