Il Melograno (Punica granatum L.) appartiene alla Famiglia delle Punicaceae ed è originario dell'Asia Occidentale. È un frutto autunnale che comincia la sua maturazione nel mese di ottobre e il suo nome deriva da "malum" e "granatum" che in latino significa mela con semi; infatti il suo frutto (la melagrana) ha la forma che ricorda la mela ma, al suo interno, ha semi e una polpa succosa ricca di sali minerali, acqua e vitamine mentre, all'esterno, la sua buccia è tra il giallo e rosso ed è coriacea. Cresce bene nelle zone dove c'è un clima mite e in Europa viene coltivato in Spagna e in Italia. Le sue proprietà benefiche erano riconosciute già in tempi antichi quando la radice veniva utilizzata come vermifugo e la buccia serviva a curare la stipsi. Scopriamo quali sono i benefici del melograno per il nostro organismo e la nostra bellezza.

SOMMARIO

Proprietà del melograno
Come mangiare il melograno
Controindicazioni

Proprietà del melograno.

Il frutto del melograno (melagrana) è ricco di vitamina C, K e del gruppo B oltre che di antiossidanti, proteine e carboidrati, inoltre ha un alto contenuto di potassio e di altri minerali quali: ferro, calcio, magnesio e fosforo. Ha pochissime calorie, solo 60 kcal per 100 gr. ed è quindi indicato anche nelle diete ipocaloriche e contiene tannino che ha proprietà astringenti, antinfiammatorie, diuretiche, antiossidanti e antibatteriche. Ma vediamo nelle specifico i suoi principali benefici.

Proprietà antiage: questo alimento è ricco di antiossidanti e contiene un altissimo livello di assorbimento dei radicali liberi: la sua assunzione quindi, permette di combattere i segni del tempo mantenendo giovane l'organismo. Contribuisce al rinnovamento delle cellule favorendo la riparazione dei tessuti e riduce l'iperpigmentazione che causa macchie sulla pelle. Inoltre il succo di melograno è un ottimo alleato per trattare la pelle grassa o a tendenza acneica.

Preventivo dei tumori: grazie alla presenza di tannini e polifenoli il melograno ha proprietà anti tumorali, e grazie alle antocianine, contenute nel succo di melograno, protegge la pelle dai danni dei raggi UV, spesso responsabili del cancro alla pelle.

Aiuta il cuore e riduce il colesterolo: soprattutto il succo di melograno agisce come anticoagulante limitando il rischio di arteriosclerosi e previene le malattie cardiovascolari. Inoltre tiene sotto controllo i livelli di colesterolo cattivo (Ldl) aumentando quello buono (Hdl) migliorando la salute del cuore. Mangiare i semi del melograno aiuta ad aumentare i livelli di ossigeno al cuore.

Benefici per stomaco e intestino: il melograno aiuta a combattere nausea e parassiti intestinali oltre ad essere un coadiuvante per curare le emorroidi inoltre, i semi, preparati come decotto, sono utili contro la diarrea mentre, il succo, può essere utilizzato come lassativo naturale.

Cura l'anemia: essendo ricco di ferro è perfetto anche in caso di anemia, perché aiuta ad aumentare i livello di emoglobina nel sangue.

Rimedio contro raffreddore e influenza: data l'alta quantità di vitamina C aiuta a lenire i sintomi di raffreddore e influenza. Basta bere 2 bicchieri al giorno di succo di melograno puro aggiunto a 1 litro di acqua.

Aiuta denti e gengive: grazie al succo di melograno possiamo prevenire e rimuovere la placca dentale e alleviare i sintomi di gengive infiammate. Il rimedio è usare il succo di melograno come collutorio oppure masticare un cucchiaio di semi di melograno dopo ogni pasto.

Il melograno combatte la cellulite?

Grazie all’alto contenuto di polifenoli e sali minerali, il frutto del melograno può aiutare a contrastare la cellulite. I suoi chicchi contengono anche vitamina C e potassio che contribuiscono ad eliminare i liquidi in eccesso donando tono e compattezza alla pelle e eliminando l'effetto a buccia di arancia. Il potassio è importante per le sue capacità drenanti e diuretiche, il melograno quindi, combatte la ritenzione idrica e funziona come un antinfiammatorio naturale. Contro la cellulite è necessario mangiare i semi della melagrana o applicare sulla pelle il succo miscelato con olio di arancio e argilla per creare una crema da applicare sul corpo lasciando agire per almeno 10 minuti prima di risciacquare. Con l'olio di semi di melograno, al quale bisognerà aggiungere del burro di karitè, si può realizzare una crema rassodante per aiutare a ridurre le adiposità localizzate.

Come mangiare il melograno?

Molti amano sgranare e mangiare direttamente i chicchi di melagrana, o condirli con del succo di limone. È ottimo anche a colazione nello yogurt o per la preparazione di macedonie. Inoltre possiamo utilizzare i chicchi in insalate di cereali o insalate verdi, abbinarlo a piatti salati come condimento di carne e pesce. Il succo di melograno viene molto utilizzato grazie ai suoi tantissimi benefici : effetto antiossidante, ricco di vitamine A e E che lo rendono un vero alleato per contrastare la comparsa delle rughe e mantenere la pelle elastica. I flavonoidi e l'acido ellagico, inoltre, sono in grado di contrastare le cellule cancerogene ed è un toccasana per proteggere i reni dalle tossine.

Come preparare il succo di melograno? Il modo più semplice è utilizzare lo spremiagrumi. Bisognerà suddividere il melograno in due parti uguali e continuare come se volessimo fare una premuta di arance così il succo scenderà nel contenitore e chicchi e semi rimarranno separati dal liquido. In pochi minuti potrete bere il vostro succo di melograno. Se dovesse risultare amaro vuol dire che non è ancora maturo e potete dolcificarlo con un po' di zucchero. Per evitare che si ossidi, aggiungete un po' di succo di limone.

Controindicazioni.

Il melograno non ha controindicazioni possiamo mangiarne anche uno al giorno o bere fino a due bicchieri di succo. Solo il consumo eccessivo potrebbe portare a un'intossicazione e, in questo caso, i sintomi sarebbero: vertigini, mal di testa, sonnolenza e difficoltà a respirare. Riguardo al succo potrebbe interferire sull'effetto di alcuni farmaci: antidiabetici, antidepressivi, antinfiammatori e farmaci per l'ipertensione. In questi casi è bene consultare il medico per assicurarsi che non ci siano interazioni tra il medicinale il medicinale che stiamo assumendo e il succo di melograno.