Vi siete mai chiesti per quale motivo le donne vengono sempre considerate il sesso "piagnucolone", più propenso all'emozione e ai sentimentalismi? Uno studio condotto dal professor Ad Vingerhoets, uno psicologo clinico presso l'Università di Tilburg, nei Paesi Bassi, ha dimostrato che non si tratta solo di leggende. I dati mostrano che le donne piangono molto di più degli uomini e per il doppio del tempo. Le cause sarebbero le differenze ormonali e i condizionamenti sociali. La ricerca ha analizzato le risposte emotive di più di 5.000 persone in 37 paesi diversi ed ha dimostrato che il 66% degli uomini intervistati piange per meno di 5 minuti, mentre più della metà delle donne continua a versare lacrime per almeno 16 minuti. In particolare, le donne piangerebbero in media tra le 30 e le 64 volte all’anno, mentre gli uomini solo tra le 6 e le 17 volte.

Il professor Vingerhoets ha dichiarato:La differenza tra i due sessi potrebbero essere spiegata dal fatto che le donne guardano film strappalacrime e leggono libri d’amore molto più spesso rispetto agli uomini e questo stimolerebbe maggiormente il loro lato sentimentale”. Le lacrime, inoltre, contengono prolattina, un ormone associato all’emozione, molto più presente nelle donne. Gli uomini spesso non capiscono per quale motivo le donne piangano così tanto e, di fronte le loro lacrime, si sentono irritati e disarmati. I risultati dello studio suggeriscono che il sesso maschile dovrebbe imparare ad essere più comprensivo poiché le emozioni che le donne provano, ad esempio di fronte ad un film romantico, sarebbero dovute solo ad una questione ormonale.