La lavanda (Lavandula angustifolia) fa parte della famiglia delle Laminacae come salvia, timo, alloro, rosmarino e basilico e la specie più coltivata in Italia è la Lavanda officinalis. È un arbusto sempreverde che può raggiungere anche il metro di altezza e ha un fusto eretto e legnoso con ai lati dei rami da cui spuntano i fiori di colore viola/blu dal caratteristico profumo. È una pianta che resiste bene sia a un clima rigido che torrido e cresce bene in terreni asciutti e calcarei.

SOMMARIO

Proprietà della lavanda
Usi cosmetici della lavanda
Rimedi naturali  a base di lavanda
Lavanda: utilizzi in cucina
Controindicazioni
Come coltivare la lavanda sul tuo balcone

Proprietà della lavanda.

La lavanda grazie alle sue proprietà balsamiche aiuta a liberare le vie respiratorie in caso di tosse, raffreddore, influenza. Ha proprietà carminative e antispasmodiche che la rendono efficace per contrastare dolori e spasmi addominali .Ottima anche per stimolare la digestione. In fitoterapia,i fiori di lavanda, vengono utilizzati grazie alle proprietà del loro olio essenziale  che contiene tannini, flavonoidi, acido ursolico e sostanze amare che conferiscono alla lavanda proprietà lenitive e calmanti che possono placare gli stati di stress e ansia, ma anche mal di testa, insonnia.

Usi cosmetici della lavanda.

Sin dall'antichità la lavanda veniva utilizzata per detergere il corpo: ci si immergeva in ampie vasche di acqua profumata alla lavanda per ottenere un profumo delicato su tutto il corpo. Potete trovare la lavanda sotto forma di olio essenziale, acqua profumata o fiori secchi. Vediamone i diversi utilizzi.

Olio essenziale di lavanda.

L'olio essenziale di lavanda è da sempre noto per le sue proprietà calmanti e lenitive, utilizzato per curare le scottature e altre infiammazioni della pelle. L'olio essenziale di lavanda diluito in un po' di olio di oliva, può anche essere utilizzato per lenire il prurito dopo le punture d'insetti. Inoltre aiuta a rilassare i muscoli contratti e basta aggiungerne poche gocce ai sali da bagno per un pediluvio rilassante che eliminerà la stanchezza dagli arti inferiori. Viene anche utilizzato in caso di forte mal di testa da stress o tensione strofinando una o due gocce sulle tempie. Con l'olio di lavanda e il bicarbonato possiamo fare dei fumenti per liberare le vie respiratorie in caso di raffreddore.

Acqua floreale alla lavanda.

Quest'acqua profumata oltre ad essere utilizzata per profumare gli ambienti è utile anche in caso di insonnia: basta spruzzarla nella stanza dove si dorme o sul cuscino. Inoltre, così come l'olio essenziale, l'acqua floreale di lavanda viene utilizzata per i dolori reumatici, massaggiando delicatamente la zona interessata.

Fiori di lavanda.

I fiori essiccati vengono utilizzati sia per profumare ambienti e cassetti, magari messi all'interno di sacchettini di cotone, oppure si possono creare dei piccoli fasci da mettere in casa così da abbellirla oltre che profumarla. Inoltre sono uno degli ingredienti più utilizzati per preparare saponi naturali e candele fatte in casa. I fiori essiccati di lavanda, vengono conservati in scatole di latta o cartone e tenuti all'ombra e lontano da fonti di calore.

Rimedi naturali  a base di lavanda.

Vediamo come utilizzarla come rimedio naturale fai da te.

Olio di lavanda per tonificare e combattere cellulite: l'olio essenziale alla lavanda è quello più utilizzato per i rimedi di bellezza: unendo 20 gocce di olio di lavanda all'olio di nocciola infatti otterrai un olio da utilizzare sulle parti del corpo in cui la pelle appare rilassata. Ottimo per contrastare gli inestetismi della cellulite e la pelle a buccia d'arancia.

Lavanda per regolare il sebo de cuoio capelluto: se hai i capelli grassi invece, puoi utilizzare la lavanda per rendere il cuoio capelluto meno grasso. Ti basterà infatti aggiungere qualche goccia di olio essenziale all'acqua del lavaggio o al tuo shampoo abituale per avere una chioma perfetta. Può essere anche utilizzata per limitare la forfora. Per contrastare l'eccesso di sebo puoi anche preparare un composto con 20 grammi di fiori di lavanda lasciati in immersione in 100 ml di Alcool 30°. Filtra e conserva il composto in un flacone, utilizzandolo ad ogni lavaggio.

Lavanda per ridurre i segni dell'acne sul viso: per levigare la pelle, e liberarla dai segni lasciati dall'acne, basterà infatti portare ad ebollizione un litro di acqua e aggiungere 60g di fiori di lavanda essiccati e lasciare raffreddare prima di tamponare il tutto sul viso.

Composto di lavanda opacizzante: unisci l'argilla all'infuso di lavanda e aggiungi qualche goccia di olio essenziale, miscela il tutto e applicalo sul viso per opacizzare e ridurre i pori.

Maschera alla lavanda per la pelle grassa: la lavanda è utilissima per purificare la pelle grassa, infatti possiamo preparare una maschera che servirà a diminuire l'eccesso di sebo: avrete bisogno di 2 cucchiai di miele grezzo, 1 cucchiaio di acqua calda e 3 gocce di olio essenziale di lavanda. Aggiungete l'acqua calda al miele per lavorarlo meglio, aggiungete l'olio do lavanda e mescolate. Stendete la maschera e lasciatela agire per almeno 15 minuti. per toglierla utilizzate un panno umido caldo così da non strofinare la pelle e eliminare bene i residui di miele. Dopo applicare una leggera crema idratante.

Olio di lavanda come antirughe: se unisci l'olio essenziale di lavanda a quello di rosa mosqueta otterrai un vero e proprio olio anti age, in grado di contrastare le rughe e i segni del tempo. Applicalo sul viso con un massaggio dal basso verso l'alto compiendo movimenti circolari.

Infuso di lavanda: l'infuso di lavanda può essere assunto come una bevanda per stimolare la digestione o per rilassarsi: nel primo caso, puoi preparare un infuso di lavanda posizionando 10 grammi di fiori di lavanda sul fondo di una tazza, sulla quale verserai dell'acqua bollente. Lascia in infusione per 3 minuti, dopodiché filtra e bevi a piccoli sorsi una volta intiepidito. Nel caso tu voglia rilassarti, prepara un infuso di lavanda procurandoti un cucchiaino di fiori di lavanda e un cucchiaino di fiori di tiglio.Fai bollire i fiori in un pentolino con l'acqua per 5 minuti, lasciala riposare per altri 5 minuti e filtrala. Aggiungi un po' di miele per dolcificare e bevi l'infuso mezz'ora prima di andare a letto.

Lavanda: utilizzi in cucina.

Viene utilizzata in cucina come erba aromatica o spezia per aromatizzare torte o biscotti o viene aggiunta per dare un tocco in più a pietanze particolari. Il fiore fresco è commestibile e può essere utilizzato anche come guarnizione per dolci e pietanza. Inoltre foglie e fiori secchi possono essere utilizzati per preparare infusi.

Controindicazioni.

Di solito la lavanda non provoca effetti collaterali l'importante è però non esagerare. È sconsigliato a chi assume farmaci antidepressivi, sedativi o anticoagulanti e, in soggetti allergici, può dare luogo a irritazioni della pelle o dermatiti. Inoltre è bene utilizzarlo con cautela in gravidanza.

Come coltivare la lavanda sul tuo balcone.

La pianta di lavanda si può coltivare anche in un vaso per tenerla sul balcone. Ha bisogno di un vaso di terracotta grande e profondo almeno 40 cm. Il terreno deve essere asciutto e, per renderlo ben drenato, si consiglia di aggiungere sabbia e argilla espansa insieme al terriccio. Si deve esporre al sole altrimenti all'ombra potrebbe dare fiori meno rigogliosi e non ha bisogno di essere annaffiata spesso ed è importante che non rimangano ristagni di acqua nel sottovaso perché la pianta potrebbe marcire. La fioritura avviene in primavera e fino a tarda estate così da poter godere del suo profumo per tutta la bella stagione. Difficilmente soffre di malattie o attacchi di parassiti anzi, il suo profumo tiene lontani gli insetti nocivi.