Kayla Marlowe è una giovane madre di Portland, nell'Oregon, e una foto che ha caricato di recente su Facebook sta facendo il giro del web. Nello scatto condiviso su un gruppo dedicato ai genitori che usano cannabis, chiamato CannaParentingSupport.V.420, è apparsa con un'amica mentre usa un bong per fumare marijuana ma, allo stesso tempo, sta allattando il neonato al seno. Nella didascalia ha poi scritto: "Avevo bisogno di un posto sicuro in cui condividere questa bella immagine", facendo riferimento al fatto che sarebbe stata sommersa dalle critiche se avesse postato la foto in un altro canale.

Non è un caso che sono stati moltissimi coloro che hanno condiviso la sua scelta, affermando che è come se si bevesse birra mentre si allatta. Ben presto, però, quella foto ha cominciato a diffondersi sui siti di tutto il mondo e ha fatto discutere non poco. La cosa di cui viene accusata è che non sa fare la mamma, visto che con la marijuana non fa altro che mettere a rischio la salute del figlio. Come se non bastasse, potrebbero esserci degli incidenti improvvisi: il bong potrebbe provocare delle ustioni al bambino, mentre il contatto con il fumo esporlo a problemi respiratori.

Certo, in Oregon fumare erba è legale ma è chiaro che farlo mentre si allatta il figlio non è una scelta saggia. La donna ha ricevuto commenti e messaggi offensivi da ogni parte del mondo, tanto che sia lei che l'amica si sono viste costrette a cancellare il profilo social. Secondo gli esperti, i bambini che respirano il fumo di marijuana potrebbero registrare danni al cuore e ai vasi sanguigni, sarebbe bene, dunque, consumare la droga leggera quando i figli non sono nei paraggi.