E’ stato lanciato lo scorso 4 novembre su Netflix “The Crown”, la serie di 10 puntate che racconta la storia e i segreti della Regina Elisabetta II, interpretata magistralmente da Claire Foy, a partire dagli inizi del suo regno. Tra intrighi, rivalità e scandali di corte, ciò che più incanta della storia raccontata sono gli incredibili abiti di scena sfoggiati dai protagonisti, curati dalla costumista Michele Clapton, che ha fatto il possibile per riprodurre quelli realmente indossati a Buckingham Palace.

A distinguersi per splendore ed eleganza è però il vestito da sposa che l’attrice ha ha portato nella scena del matrimonio. Si tratta di un modello costato ben 37.000 dollari, che ha richiesto 7 settimane di lavorazione, anche se è apparso sullo schermo solo per 9 minuti nel primo episodio. Si tratta di una replica esatta dell’abito bianco che Elisabetta II ha indossato quando ha sposato il principe Filippo a Westminster Abbey nel 1947. In quell’occasione, lo stilista era Norman Hartnell e ha lavorato per sei mesi per portare a termine la creazione in raso color avorio. L'abito era ricoperto di gigli e fiori d’arancio ricamati e da 10.000 perle importate dall’America e si ispirava alla "Primavera" del Botticelli.

Claire Foy ha avuto l’onore di indossare un abito tanto costoso e decisamente “pesante”, visto che arrivava a circa una tonnellata. “Ho realmente sentito sulla mia pelle cosa può aver rappresentato per la giovane Elisabetta camminare con la tiara in testa e quell'abito così importante”, ha spiegato l’attrice. Coloro che già non vedono l’ora di vedere il proseguo della serie con tutti i suoi meravigliosi abiti saranno lieti di sapere che Netflix ha già annunciato che ci sarà una seconda stagione.