Il ciclo mestruale è una perdita ematica che si verifica ogni mese nelle donne che si trovano in età fertile e solitamente è accompagnato da una serie di disturbi e dolori che possono essere davvero fastidiosi e insopportabili. I crampi alla pancia, in particolare, compaiono all'arrivo delle mestruazioni e, in alcuni casi, sono così forti che possono essere paragonati ai dolori del parto. Si manifestano a intermittenza con una frequenza molto alta poiché l'utero, essendo un muscolo, genera un dolore intensissimo quando si contrae. Per fortuna, esistono innumerevoli rimedi per combattere fastidi simili. Coloro che però vogliono evitare l'uso di farmaci, antidolorifici e sostanze chimiche possono puntare su qualcosa di più naturale. Scopriamo quali sono i "metodi della nonna" per ridurre al minimo i fastidi che compaiono con l'arrivo del ciclo.

Combattere i dolori mestruali con l'alimentazione.

Esistono dei cibi che alleviano i dolori mestruali e altri che, invece, non fanno altro che intensificarli. Il motivo è molto semplice: interferiscono con l'equilibrio del magnesio, la sostanza che meglio riesce a contrastare la dismenorrea. Il latte e i suoi derivati, in particolare, sono gli alimenti che dovrebbero essere eliminati dalla dieta, soprattutto da coloro che soffrono di forti dolori all'arrivo delle mestruazioni. Favoriscono maggiormente la comparsa del dismetabolismo e, dunque, di crampi più intensi poiché hanno un'influenza negativa sull’equilibrio del calcio interno. E' consigliabile inoltre limitare al minimo il consumo di caffè, alcol, fumo, dolci e zuccheri raffinati, tutti prodotti che potrebbero ridurre l'assorbimento del magnesio e stimolare indirettamente la produzione di prostaglandine. Meglio invece puntare su alimenti come verdure a foglia verde, frutta secca, legumi e cereali integrali, ricchi di magnesio. Il nutriente è inoltre presente in elevate quantità anche nei funghi, nel cacao, nel pesce azzurro e nelle banane. Il consiglio degli esperti è seguire una dieta equilibrata che garantisca un corretto apporto di magnesio, vitamina, minerali e che favorisca la diuresi. All'arrivo del ciclo, di sicuro si noteranno dei benefici incredibili.

I rimedi della nonna per ridurre i dolori del ciclo.

1. Tisane – Le tisane sono naturali al 100% e, sfruttando le proprietà curative delle piante, alleviano i dolori mestruali e il senso di gonfiore, donando un'immediata sensazione di benessere. Le migliori sono la camomilla, le bevande a base di foglie di lampone, di zenzero, di cannella e di malva.

2. Pediluvi – Per ridurre i crampi mestruali è possibile anche ricorrere a un pediluvio. Basta sciogliere due cucchiai di senape in polvere o, in alternativa altre spezie come cannella, zenzero, chiodi di garofano, in un catino d'acqua calda e metterci dentro i piedi per almeno una mezz'ora per avere ottimi risultati. Al termine del pediluvio, i piedi possono essere massaggiati con gel d'aloe vera, così da prolungare la sensazione di relax.

3. Oli essenziali – Gli oli essenziali capaci di alleviare i dolori mestruali sono quelli di lavanda, camomilla, maggiorana e geranio. E' possibile usarli per fare un massaggio ai piedi, alle gambe, all'addome, così da ridurre i dolori e il senso di affaticamento.

4. Aromaterapia – Gli oli essenziali possono essere usati anche per praticare l'aromaterapia, un rimedio perfetto per combattere i dolori del ciclo in modo naturale. L'ideale è usare anche un bruciaessenze con dentro qualche goccia dell'olio essenziale scelto, così da diffondere la fragranza in tutta la casa.

5. Unguento al burro di karitè – Anche un unguento a base di burro di karitè con cui massaggiare l'addome è capace di alleviare i dolori del ciclo. Per prepararlo, è necessario sciogliere a bagnomaria 50 grammi di burro di karitè e aggiungere un cucchiaio di oleolito o di macerato di calendula, oppure 10 gocce di olio essenziale di calendula. Dopo aver mescolato bene, bisogna poi versare tutto in un barattolo di vetro a chiusura ermetica.

6. Oleolito alla calendula – L'oleolito alla calendula si prepara con 50 grammi di fiori di calendula essiccati e 250 millilitri di olio extravergine d'oliva o di girasole spremuto a freddo. Dopo aver mischiato i due prodotti in un barattolo di vetro, bisogna conservarli al buio per due settimane, ricordando di agitare il barattolo una volta al giorno. A questo punto, si potrà filtrare l'oleolito e usarlo per effettuare dei massaggi all'addome. I dolori mestruali verranno così alleviati in modo naturale.

7. Sali da bagno – I sali da bagno possono essere usati per un bagno rilassanti o un pediluvio. Si possono realizzare anche a casa utilizzando del sale grosso integrale e dell'olio essenziale di lavanda. Conservando il prodotto in barattoli di vetro ben chiusi, lo si potrà utilizzare anche nei mesi successivi.

Dolori mestruali: cosa fare e cosa non fare per combatterli.

I dolori mestruali possono essere combattuti anche solo seguendo uno stile di vita sano. Praticare esercizio fisico, yoga, pilates o qualsiasi altra forma di rilassamento permette di allontanare lo stress, che non fa altro che aggravare i sintomi mestruali, e di affrontare il dolore con più tranquillità. Come se non bastasse, anche un bagno caldo o l'applicazione di una borsa dell'acqua calda sulla pancia sono due rimedi capaci di attenuare i dolori poiché rilassano i muscoli della zona addominale, donando una piacevole sensazione di benessere. Durante i primi giorni di ciclo, sarebbe bene evitare di indossare abiti stretti, pantaloni aderenti, collant elastici, cinture strette, così da non comprimere la pancia e amplificare i crampi. A dispetto di quanto si potrebbe pensare, stendersi a letto non è la soluzione ideale per sentirsi meglio poiché la vita sedentaria non fa altro che aggravare i dolori mestruali. L'ideale sarebbe concedersi un'attività rilassante che non affatichi eccessivamente il corpo: i risultati saranno evidenti all'istante.