Se si chiede ad una qualsiasi bambina quale sia il suo sogno nel cassetto, questa vi risponderà sicuramente che desidera diventare una principessa. Tra Cenerentola, Biancaneve, Ariel e tutte le altre eroine della Disney, i cartoni danno l’idea che diventare fragili e bisognose dell’aiuto del principe azzurro sia una condizione desiderabile da ogni donna. La realtà è ben diversa. Qualcuno sa cosa succede dopo il "vissero felici e contenti"? Certo è che, una volta cresciute, tutte capiscono che è molto difficile trovare l’uomo perfetto e che non ci sarà nessun principe in calzamaglia sul cavallo bianco pronto a salvarci nel momento di maggiore difficoltà. Ogni donna capirà che anche le storie più belle a volte non hanno il lieto fine e che quindi essere indipendenti e realizzate darà molte più soddisfazioni che l’essere trattate da principesse. Questi 10 punti ci faranno capire per quale motivo le Principesse Disney non devono essere considerate un modello da seguire.

1. Non vogliamo essere salvate – Le donne di oggi sono emancipate e se qualcuna si sente una piccola Cenerentola è una sua libera scelta. Non aspettiamo l’intervento della fata turchina o del principe azzurro, capaci di elevare improvvisamente la nostra condizione sociale. Ognuna di noi si sceglie la propria vita e siamo felici così.

2. Non siamo ingenue – Sono finiti i tempi in cui le donne credono a tutto e non sono capaci di reagire a tono ad una “strega cattiva” o a delle “sorellastre malefiche”. Non ci sentiamo delle ingenue, quando qualcosa non ci sta bene ci ribelliamo, non importa chi abbiamo di fronte.

3. Non vogliamo aspettare – Quante di noi sarebbero capaci di aspettare senza far nulla l’arrivo del principe azzurro? Tralasciando il fatto che forse non esistono più degli uomini così romantici, anche noi donne non sappiamo essere pazienti nelle relazioni. Aspettare qualcuno all’infinito ci fa sentire inermi.

4. Non ci innamoriamo in una notte – Cenerentola non conosceva il principe azzurro, eppure se ne è innamorata sola con un semplice ballo. Il giorno dopo è stata già pronta a mettere su famiglia con lui. Certo, sarà stato un colpo di fulmine, ma sappiamo bene che nella realtà l’amore non è così semplice.

5. Siamo indipendenti – Le principesse Disney hanno dimostrato che le donne senza un uomo al proprio fianco non possono aspirare a grandi progetti. C’è chi è solo una sguattera e chi senza il bacio del principe è destinata a morire, oggi invece noi donne siamo fiere di essere indipendenti. Sappiamo benissimo costruirci una vita da sole, senza dover dipendere dall’uomo di turno.

6. Vogliamo essere scelte – In amore, vogliamo essere scelte, vogliamo qualcuno che ami le nostre qualità, ma anche i nostri difetti. Il principe di Cenerentola avrebbe sposato qualsiasi donna a cui fosse entrata la scarpetta di cristallo. Forse l’uomo dei nostri sogni non sarà perfetto, ma almeno ci avrà profondamente desiderate per il nostro carattere e non per il nostro numero di scarpe.

7. Non ci innamoriamo del primo che capita – La storia di Tiana, la protagonista della Principessa e il Ranocchio, se vista sotto un’ottica diversa racconta di un principe “opportunista”, che per spezzare l’incantesimo e tornare umano sposa una popolana trasformata in rana. La verità è che noi donne non ci innamoriamo del primo che capita o del primo che ci chiede di sposarlo.

8. Non ci fidiamo facilmente – Forse aver vissuto troppo “storie sbagliate” ci ha reso disilluse, prima di fidarci di qualcuno infatti ne deve passare di acqua sotto i ponti. Non saremo mai disposte a cambiare la nostra vita fin dal primo momento, semplicemente per stare con un uomo, come capita ad esempio ad Ariel, che si allontana addirittura dalla sua famiglia pur di inseguire l’amore.

9. Vogliamo dimostrare il nostro valore – Mulan è forse l’unica principessa Disney coraggiosa ed impavida, la quale però per combattere ha dovuto fingere di essere uomo. Noi donne siamo fiere di esserlo ed è proprio perché tutti ci considerano “il sesso debole”, che siamo disposte a dimostrare con ancora più forza il nostro coraggio e il nostro valore.

10. Siamo delle “ribelli” – Le donne di oggi non accetterebbero mai la storia di Jasmine, costretta dalla famiglia a sposare un nobile come lei. E’ proprio per questo che tenta in tutti i modi di trasformare Aladdin, un uomo comune, in un principe. Noi, invece, vogliamo essere delle eterni ribelli e non avremmo problemi ad infrangere le regole. L’amore andrebbe al di là delle classi sociali.