Ogni giorno la scienza fa dei passi da giganti, tanto che negli ultimi anni le innumerevoli scoperte hanno fatto sì che si raggiungessero grandi risultati nel mondo della medicina. L’ultimo arrivato nel campo della prevenzione dei tumori femminili è “Forecee”, un semplice Pap test con cui le donne potranno conoscere e prevenire il rischio di sviluppare uno dei quattro tumori femminili più frequenti, cioè quelli al seno, all’ovaio, al collo dell’utero e all’endometrio.

Sono 516mila le donne che in Europa ogni anno vengono colpite da malattie simili, praticamente più di 1.400 al giorno. Le cellule prelevate con il Pap test vengono analizzate con un esame chiamato Wid, Women’s cancer risk IDentification, che permette di valutare le mutazioni genetiche che predispongono al rischio dei più frequenti tumori femminili. In questo modo si rende possibile la diagnosi precoce della malattia e un intervento immediato per prevenirla.

Abbiamo assistito a simili progressi nel campo delle malattie cardiovascolari, dove alcuni markers sono in grado di predire il rischio di infarto e ictus. Il nostro progetto si propone di raggiungere un simile traguardo anche per i quattro tumori femminili, mediante un unico semplice test”, ha dichiarato Nicoletta Colombo, Direttore del Programma di Ginecologia Oncologica all’Istituto Europeo di Oncologia e investigatore principale dello studio Forecee in Italia. Il programma è stato finanziato dalla Commissione Europea, con il contributo della Onlus inglese Eve Appeal, per un totale di 8,9 milioni di Euro, ed è coordinato dallo University College London.