Con l'avvicinarsi dell'estate ognuno di noi diventa letteralmente ossessionato dal suo peso, nella speranza di sfoggiare un corpo da urlo in spiaggia. Pesarsi in continuazione, però, non serve a nulla. Alcuni giorni addirittura sarebbe meglio dimenticarsi della bilancia poiché lo stress, l'attività fisica o i cibi consumati possono causare delle enormi oscillazioni di peso. Per fortuna, il più delle volte, si tratta di effetti temporanei. Ecco quali sono i giorni in cui sarebbe meglio non controllare se si sono messi su dei chili.

Dopo una cena molto abbondante – Quando si mangia in modo abbondante a cena, sarebbe meglio non pesarsi il giorno successivo poiché potrebbero esserci delle variazioni di 1-2 chili. Il motivo? I cibi che contengono molto sodio aumentano la quantità di liquidi contenuti nel corpo con degli effetti evidenti ma temporanei sul corpo.

Dopo un intenso esercizio fisico – Sembra un controsenso ma, il giorno dopo aver praticato attività fisica, sarebbe meglio dimenticare la bilancia. I liquidi e i carboidrati consumati devono essere reintegrati e occorrono almeno 24 ore perché succeda. A volte, inoltre, l'aumento di peso protratto nel tempo può essere dovuto allo sviluppo della massa muscolare.

Nei giorni prima del ciclo – Nei giorni che precedono il ciclo mestruale, il corpo è alterato dal punto di vista ormonale. E' per questo che ci si sente pesanti e gonfie, tanto che a volte si mettono su anche 2 chili. Niente panico, però, è solo un effetto temporaneo.

Dopo una giornata stressante – Quando il corpo è sotto stress, reagisce in modo particolare: il metabolismo rallenta, si producono sostanze chimiche come il cortisolo, la leptina e altri ormoni che favoriscono l'obesità. Meglio quindi non pesarsi al termine di una giornata psicologicamente pesante.

Dopo una notte insonne – Dormire bene riesce a influenzare positivamente il peso. Quando si passano notti insonni, lo stress aumenta, la ritenzione si attiva e si ha più fame. Inevitabilmente, dunque, dopo aver passato una notte senza riposare, sarebbe meglio evitare la bilancia e pesarsi quando ci si sentirà più carichi.

Dopo un lungo viaggio in aereo – Rimanere sedute per molte ore è una delle cause principali della ritenzione idrica. Dopo un lungo viaggio in aereo, ad esempio, l'accumulo di liquidi potrebbe concentrarsi nella parte inferiore del corpo, facendo gonfiare gambe e caviglie.