donne con la valigia

Ci sono tanti luoghi comuni sulle donne e le valigie: che ne portano sempre troppe, che le riempiono di cose inutili, che fanno entrare il contenuto di uno zaino in un trolley grosso il doppio. Da qualche anno, Donne con la valigia è il titolo di un simpatico e cliccatissimo blog-zine ideato da Marina Misiti. Autrice che ora ritroviamo in libreria con l’omonimo libro, un elegante Little Pink Book edito da Astrea.

Donne con la valigia è una utilissima guida tascabile da sfogliare al momento di fare i bagagli, per portare tutto l’indispensabile e non essere cariche come muli. Perché è più chic viaggiare leggeri e allo stesso tempo non farsi mancare niente. L’autrice sa dare mille e uno consigli su come stare comode e portare con noi gli oggetti di cui abbiamo più bisogno. Un pensiero particolare va a viaggiatrici alle prime armi e a frequent flyers, che siano donne, ma non solo. Viviamo nell’epoca in cui il viaggio più frequente è last minute e la valigia deve essere preparata al momento di partire, tenendo anche conto delle regole sempre più rigide imposte dagli aeroporti.

Più o meno vale la regola che siamo quello che mettiamo in valigia. Ognuno di noi ha un suo stile che esprime anche nel modo di viaggiare e, più ancora, in quello che si porta dietro come bagaglio. Donne con la valigia richiama nella forma il taccuino più scelto dai viaggiatori di tutti i tempi, la Moleskine, con la carta patinata e la copertina rosa rigida richiusa da un elastico. Compriamolo prima di partire e portiamolo con noi, perché strada facendo la nostra valigia potrebbe cambiare anche a secondo delle cose che si acquistano nei Paesi che si visitano.

Raimonda Granato

Articolo a cura di
Attiva gli aggiornamenti:
Aggiungi un commento!