Quando si avvicina il Natale ritorniamo tutti un po' bambini: grandi e piccini infatti non vedono l’ora di decorare la casa con palline ed addobbi vari per rendere questa festa ancora più speciale. Per creare gli addobbi natalizi possiamo  realizzare degli alberi di Natale fai da te con il riciclo creativo. Chi ama la tradizione poi non può fare a meno del presepe, da costruire magari con tutta la famiglia per rendere unico il Natale e stupire gli amici ma, come costruire un presepe? L’iconica rappresentazione della nascita di Cristo è uno dei simboli natalizi più tradizionali al mondo e nelle case italiane ce n’è sempre uno illuminato che rende l’atmosfera ancora più magica. Costruire un presepe con le proprie mani non è impossibile, l'importante è armarsi di pazienza, fantasia e manualità. Vediamo come fare a realizzare un presepe in casa in modo semplice, con una piccola guida che vi servirà per la costruzione.

Come costruire un presepe fai da te.

Ci sono diversi modi per realizzare un presepe fai da te: possiamo infatti adoperare diversi materiali. Scopriamo come farlo passo, passo e in modo semplice così da coinvolgere tutta la famiglia.

Presepe di cartone o sughero.

Il cartone e il sughero sono i materiali con cui maggiormente si costruisce un presepe artigianale in casa, per questo ne vedremo i passaggi in modo più dettagliato. Vediamo prima cosa ci occorre per realizzarlo

  • scatole di scarpe o cartoncini a forma di cubo o sughero
  • carta per le montagne, carta argentata e carta blu
  • gesso o carta da pacchi
  • colla a caldo
  • stucco
  • lampada blu o serie luminose
  • segatura, sassolini, sabbia, muschio
  • statuine
  • ovatta

Preparate il disegno: la prima cosa da fare nel momento in cui si vuole costruire un presepe è lasciarsi ispirare da un disegno, così da riprodurre alla perfezione un paesaggio naturale esistente. A questo punto, si può realizzare un proprio bozzetto, facendo bene attenzione ad indicare con precisione la disposizione delle montagne, dei sentieri, dei fiumi e della vegetazione.

Dividete lo spazio in diversi piani: è importante anche dividere lo spazio in diversi piani: nel primo bisogna disporre la natività, gli edifici e le statue più grandi; nel secondo, meno esteso del primo, si collocano paesaggi, piante e statue più piccole; nel terzo, le montagne senza statue; infine il fondale, che permette effetti luminosi da personalizzare con gusto. Sassolini, rametti, muschio, sabbia, segatura, colla, carta argentata, statuine, sono gli elementi base da raccogliere per cominciare con la propria creazione.

Cominciate con il fondo: è importante cominciare prima con lo sfondo, magari utilizzando una carta di colore blu, sulla quale dipingere le stelle. Lo sfondo deve avvolgere i due lati del presepe.

Proseguite con la struttura: si può poi passare alla costruzione della struttura con scatole di cartone oppure con cartoncini da incollare a forma di cubo o parallelepipedo o direttamente con del sughero. Per il fondo potete utilizzare la carta montagna o il muschio mentre strade, vallate e monti vanno modellati con il gesso, precedentemente preparato, oppure con carta da pacchi.

Grotta e costruzioni: a questo punto, bisogna collocare le costruzioni nel punto esatto indicato nel disegno: per le costruzioni più a vista potete utilizzare il sughero scegliendo i pezzi meglio incurvati per riprodurre delle grotte perfette. Quella in cui deve essere riprodotta la natalità deve essere quanto più concava possibile ed ogni pezzo deve essere incollato alla base con della termocolla. Per completare la grotta, bisognerà applicare anche alcune spatolate di stucco, di modo da unire i diversi pezzi di sughero ed infine lasciare ad asciugare per almeno 24 ore.

Realizzate prato, strade e fiume: per ricoprire il prato, è sufficiente della segatura colorata di verde; la sabbia è utile per la divisione delle strade, definite con sassolini su entrambi i lati; il fiume può essere imitato con carta argentata, mentre la neve sulle case con semplice ovatta. Bloccate tutte le strutture che aggiungete sul presepe con della colla a caldo per renderlo più stabile.

Posizionate i pastori: una volta terminata la realizzazione del paesaggio, si possono posizionare le statuine, che non devono essere più grandi degli edifici, ma che devono rispettare una certa proporzione. Quanto all'illuminazione, si consiglia invece di porre sul presepe una lampada, magari dipinta di blu, per creare l’effetto notturno oppure una classica serie di luci natalizie.

Presepe in legno.

Coloro che amano lavorare il legno possono realizzare un presepe fatto interamente con questo materiale. Per crearlo dovrete essere abili a maneggiare determinate attrezzature da aggiungere al normale occorrente e cioè

  • seghetto,
  • cutter (taglierino)
  • cartavetro
  • scalpelli
  • pitture per il legno
  • balsa

La qualità di legno perfetta per essere lavorata con facilità è la balsa, che è così morbida da prestarsi al taglio con un cutter. Il presepe in legno necessita di un'accurata progettazione, magari aiutandosi con dei disegni a matita fatti direttamente sulla balsa. L’ideale è costruire una grotta con il tetto con 2 casette adiacenti e un gregge. La quantità di balsa necessaria è pari a 1,5 metri di larghezza e 70 cm di altezza.

Per la base: utilizzare come base un pannello da 100 cm x 70 cm, si può poi aggiungere uno strato di sughero o di truciolato per creare delle rocce e le alture paesaggistiche.

Per le case: per costruire la grotta e le altre strutture bisogna invece tagliare 4 pareti per ogni abitazione, facendo bene attenzione ad utilizzare quella più grande come capanna. Ogni casetta deve essere chiusa con tetti di balsa ricoperti di paglia, deve avere una staccionata fatta con degli stecchini e decorata a proprio piacimento con stelle filanti e lucine.

Decorazioni finali: una volta completate tutte le strutture in legno potrete decorare tutto con muschio, neve e con le statuine. Se volete rendere il vostro presepe più realistico, in commercio trovate molte statuine meccaniche: il pizzaiolo che inforna la pizza, la lavandaia che fa il bucato o ancora il bambino Gesù che si muove nella mangiatoia. Insomma, c'è solo l'imbarazzo della scelta per rendere il proprio presepe realistico al 100%. Naturalmente, è importante posizionare la creazione accanto ad una presa della corrente, così da poter far funzionare il tutto inserendo semplicemente la spina ogni volta che arriveranno gli ospiti.

Presepe napoletano.

Il presepe napoletano riproduce la natività di Gesù Cristo, ma la sua particolarità sta nel fatto che è legato a vere e proprie tradizioni che si tramandano da secoli. Innanzitutto, comprende una serie di personaggi, luoghi e simboli tipici della cultura partenopea.

  • Per creare un presepe servendosi della tecnica dei maestri napoletani, è importante progettare con un disegno la propria opera d'arte, ricordando che la natività che va posta in primo piano e che il tutto va posizionato a circa 160-170 cm da terra, in modo da dare vivacità armoniosa a chi guarda.
  • Le casette possono essere realizzate nel materiale a proprio piacimento, l'importante sono le decorazioni e soprattutto la scelta dei classici pastorelli napoletani. Secondo la tradizione, il presepe deve essere allestito l'8 dicembre, la mangiatoia deve rimanere vuota fino alla notte di Natale e i re Magi devono essere aggiunti solo nel giorno dell'Epifania.

 

Aggiungi un commento!