Clare Waight Keller è il nuovo direttore creativo di Givenchy. Ad annunciarlo è stata la stessa Maison attraverso il profilo Instagram, sul quale è stata postata una foto della stilista scattata da Steven Meisel. Andrà a sostituire Riccardo Tisci, che aveva detto addio alla Maison lo scorso febbraio dopo 12 anni di collaborazione e che attualmente sarebbe desideratissimo da Versace. Lo scorso gennaio, dopo ben sei anni passati alla guida di Chloé, Clare Waight Keller aveva deciso di abbandonarne la direzione creativa, probabilmente perché andava alla ricerca di qualche impegno nuovo e stimolante.

Era già da marzo che giravano delle voci che parlavano di un suo possibile passaggio a Givenchy e ora vengono confermate. La stilista comincerà ad esercitare le sue nuove funzioni il prossimo 2 maggio e presenterà la prima collezione per la Maison a ottobre, precisamente durante la Paris Fashion Week, che vedrà il lancio delle linee per la stagione Primavera/Estate 2018. Saranno assegnate a lei tutte le direzioni creative del marchio, comprese quelle delle collezioni di prêt-à-porter, accessori Donna e Uomo e delle linee di alta moda. Con il suo arrivo si prevede che Givenchy cambierà completamente stile, allontanandosi dal fascino barocco, cupo e gotico che Tisci aveva dato alle collezioni. Con la Waight Keller, la prima donna a gestire la casa di moda, probabilmente si darà spazio all’eleganza romantica anglo-francese e al cool-chic.

Chi è Clare Waight Keller che ha sostituito Riccardo Tisci da Givenchy.

Clare Waight Keller è la stilista di origini britanniche che ha sostituito Riccardo Tisci alla guida di Givenchy. E' nata a Birmingham e ha mostrato la sua passione per la moda fin da piccola, da quando a 5 anni ha cominciato a lavorare a maglia, seguendo i consigli della mamma. Ha studiato prima al Ravensbourne College of Art, dove si è laureata in moda e ha poi completato la sua formazione al Royal College of Art di Londra. Dopo la specializzazione, a 21 anni, si è trasferita a New York e ha lavorato prima per Calvin Klein, poi per Ralph Lauren Purple Label. Nel 2001, è tornata a Londra e ha collaborato con Gucci sotto la direzione di Tom Ford. E' diventata per la prima volta direttore creativo per il brand Pringle of Scotland, che è stato completamente reinventato dopo il suo ingaggio nel 2005. Dopo essersi fatta conoscere in tutto il mondo, ha abbandonato il marchio scozzese ed è passata a Chloé, la Maison di cui è stata stilista dal 2011 allo scorso gennaio. Grazie a lei, il marchio è diventato famoso e richiesto in ogni parte del mondo. Negli ultimi tempi, si diceva che avesse delle difficoltà con il CEO Geoffroy de la Bourdonnaye poiché quest'ultimo voleva lasciare invariato il suo stipendio nonostante l'incremento delle vendite. Sarebbe stato proprio questo il motivo che l'avrebbe spinta a dire addio al brand e a farla avvicinare a Givenchy. La Waight Keller sarà la prima donna a capo della casa di moda.